Home News Cashback, ecco tutto ciò che bisogna sapere per i rimborsi

Cashback, ecco tutto ciò che bisogna sapere per i rimborsi

E’ da qualche giorno che è stato istituito il Cashback in Italia, ossia la possibilità per tutti coloro che pagano con carte di pagamento di qualsiasi genere, di credito o bancomat, di ricevere un rimborso del 10% sulla spesa effettuata.

Per poter partecipare a questo Cashback di Natale è necessario registrarsi all’app IO, ritornata al momento alla normalità, ma che è andata in tilt appena è stato avviato tale programma. La situazione sembra essersi assestata al momento, seppur non mancano le difficoltà a loggarsi da parte di numerosi utenti.

Regole fondamentali per partecipare al Cashback

Prima però di procedere alle spese, è fondamentale conoscere al meglio alcune regole riguardanti questo Cashback. Il primo punto da tenere ben presente è che il Cashback sarà attivo il giorno dopo aver effettuato la registrazione sull’applicazione IO inserendo tutti i dati della propria carta di pagamento. Ciò significa che se tutto l’iter della registrazione è stato effettuato in data odierna, solo nella giornata di domani sarà possibile effettuare il pagamento per sfruttare il 10% di rimborso proveniente dal Cashback. Non bisogna quindi lasciarsi travolgere dalla frenesia del momento, bisogna pazientare qualche ora in più e poi si potrà effettuare quell’acquisto tanto desiderato per ricevere un piccolo rimborso.

Attenzione ai limiti di spesa

Un secondo elemento molto importante da non dimenticare è che esistono comunque dei limiti di spesa. Se ad esempio si acquista con la modalità Cashback uno smartphone da 400 euro, il rimborso non sarà di 40 euro, cioè il 10%, ma soltanto di 15. Questo perché per ogni singolo acquisto il massimo di cashback maturabile è di 15 euro, anche se la spesa è superiore ai 150 euro.

Se invece si effettuano due singoli acquisti da 200 euro, con due pagamenti diversi, si ottengono 15 euro di cashback per ogni operazione ma non è possibile, ai fini del cashback, effettuarli all’interno della stessa giornata nel medesimo esercizio. Bisogna fare attenzione anche per le spese complessive finali, se ad esempio a fine anno si è arrivati a spendere 2000 euro tra bancomat e carte, il rimborso massimo si fermerà a 150 euro. Infine è bene sapere come le spese effettuate online con carta non rientrano all’interno del Cashback.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui