Comparto elettrico in difficoltà

Le società su cui puntare.

7 gennaio 2015 10:300 commentiVisualizzazioni: 8

Durante lo scorso anno, la performance delle società del comparto elettrico è stata pressoché negativa: si registra un -12,4% contro +4,2% dell’indice Ftse Small caps Europe ma stando agli analisti di Societé Générale vi sono titoli con un potenziale di rialzo superiore al 30%.

Quali?

Ecco i tre titoli principali sui quali puntare:

1) Gamesa Corp Tecnologica

Prezzo obiettivo di 10,5 euro, che implica un upside di rialzo del 38% dalle quotazioni attuali per la società spagnola che produce turbine eoliche. Sul listino di Madrid Games Corp capitalizza 2,1 miliardi di euro, con un flottante dell’80,3%. Il titolo, che tratta 19,7 volte l’utile 2014 e 12 quello del 2015, ha fatto registrare una prestazione costante nel 2014, pur essendo calata di oltre il 7% nell’ultimo mese. Il rating è buy (comprare), mentre il dividend yield è trascurabile.

2) Nexans

Questa società ha un margine di crescita del 34% in vista di un target price di 33,5 euro, con rating buy, per la small cap francese (settore cavi) che capitalizza intorno a un miliardo di euro, con un flottante del 53,3%. Il p/e crolla da 53,5 nel 2014 a 22,5 nel 2015 e 11 nel 2016, mentre il prezzo/valore di libro (p/bv) è inferiore all’unità (0,7). Il rendimento della cedola è basso (2% nell’esercizio 2015 e 3% nel 2016). Sulla borsa di Parigi ha accusato una performance molto negativa negli ultimi 12 mesi (-30%).

3)OSRAM Licht

La società proveniente dalla Germania, che capitalizza 3,4 miliardi di euro (con un flottante dell’80,5%), merita stando agli specialisti dell’investment bank un prezzo obiettivo di 33 euro, coerentemente con le quotazioni recenti. Durante gli ultimi dodici mesi il titolo, che vedrà il p/e salire da 17 del 2014 a 25,9 nel 2015, per poi tornare a 17,6 nel 2016, ha lasciato sul terreno oltre il 20% in un anno. Il rendimento della cedola è 1,5% negli esercizi 2014 e 2015, per salire a 1,8% nel 2016. Il rating è hold (mantenere).

 

Abbiamo parlato di: