Home Investimenti Finanza Comportamentale Cosa sostiene la teoria del mercato efficiente

Cosa sostiene la teoria del mercato efficiente

Per sapere in ogni momento come comportarsi e come reagire nel mercato che cambia, è bene avere a mente alcune teorie economiche corroborate da anni di esperienza nel settore finanziario. Una delle teorie di cui recentemente si sente parlare è quella del mercato efficiente, elaborata da Eugene Fama, un ricercatore americano.

Secondo Fama, le agenzie di brokeraggio, per condurre i loro studi economici a livello micro e macro, hanno la necessità di disporre di un numero di risorse superiore a quelle presenti sul mercato e per questo gli analisti utilizzano un portafoglio di titoli generico con un livello di rischiosità analogo a quello da analizzare.

La teoria del prospetto

L’analista, però, così facendo, agevola il mercato e fa in modo che questo sia sempre efficiente. Tutti gli investitori che hanno un portafoglio precostituito di titoli, traggono vantaggio dalla situazione. Se poi i trader si spostano in massa verso i vantaggi offerti dal mercato efficiente, questi vantaggi scompaiono e si deve ripartire da zero.

Come e dove si acquistano i BTp Italia

Enunciato il funzionamento della teoria, è chiaro che chi vuole trarne beneficio deve scoprire l’efficacia della valutazione e monitorare l’evoluzione delle condizioni macro-economiche sia nei contesti nazionali, sia negli scenari internazionali. Sicuramente il livello di circolazione delle informazioni può fare la differenza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui