Home News Donazioni in criptovalute a favore degli afghani: la situazione aggiornata

Donazioni in criptovalute a favore degli afghani: la situazione aggiornata

Tanti afghani stanno vivendo un vero e proprio dramma in queste settimane. Con migliaia di cittadini attualmente accettati come rifugiati in diversi paesi in seguito all’acquisizione da parte dei talebani di molte aree altamente popolate, molte organizzazioni senza scopo di lucro stanno accettando donazioni in criptovaluta. Un modo per agevolare questo flusso di denaro destinato a chi ne ha bisogno.

afghani

Le ultime sulle donazioni in criptovalute a favore degli afghani

Migliaia, se non milioni, di afgani stanno tentando o stanno per fuggire dalla loro casa per paura di ciò che i talebani potrebbero fare ora che hanno in gran parte il controllo del paese. Le organizzazioni che aiutano i rifugiati e quelli sul campo hanno sparso la voce: hanno bisogno di fondi per sostenere gli afgani che arrivano in terra straniera spesso con poco più dei vestiti che indossano.

Hearts & Homes for Refugees, un’organizzazione no profit con sede a New York, sta attualmente chiedendo donazioni per assistere i circa 20.000 afgani ancora nel paese in attesa che le autorità degli Stati Uniti elaborino speciali visti di immigrazione. Il gruppo spera di raccogliere fondi sufficienti per trasferire le famiglie afgane nella contea di Westchester e attualmente accetta Bitcoin (BTC), Ether (ETH), Bitcoin Cash (BCH), Litecoin (LTC), ZCash (ZEC), Gemini dollaro (GUSD), BAL, Yearn.Finance (YFI), Polygon (MATIC), Synthetix (SNX) e Bancor (BNT) attraverso la sua integrazione con Giving Block.

CARE, un’organizzazione con uffici in tutto il mondo che difende donne e ragazze, ha affermato che 393.000 afgani sono stati sfollati durante la presa del potere da parte dei talebani e hanno bisogno di aiuti di emergenza. Jack Butcher, il fondatore della società di consulenza Visualize Value, ha lanciato una serie di token non fungibili, o NFT, “pacchetti di assistenza”, ognuno dei quali è destinato a essere venduto per corrispondere al costo stimato dell’organizzazione che copre le esigenze di emergenza di una singola famiglia per un mese.

Anche alcune organizzazioni con operazioni sul campo in Afghanistan sono ancora in contatto utilizzando i social media e chiedendo aiuto. Code to Inspire, una scuola che mira a educare le ragazze afghane alla programmazione e alla robotica, accetta contributi crittografici tramite il Giving Block. Il fondatore Fareshteh Forough ha riferito oggi che gli studenti “stavano ancora programmando a casa”.

La situazione in Afghanistan è ancora in via di sviluppo, ma ci sono già state segnalazioni di aggressioni, omicidi e violazioni dei diritti umani mentre i talebani espandono il loro punto d’appoggio. Tuttavia, è importante che gli utenti di criptovalute ben intenzionati siano consapevoli delle persone alla quali donano; alcuni temono che i truffatori possano sfruttare l’attenzione dei media a loro vantaggio rubando donazioni destinate agli afghani.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui