La situazione greca spaventa ogni giorno di più i mercati, i quali stanno crollando per colpa delle vendite indiscriminate lanciate dai fondi e dai grandi speculatori internazionali.

 

Il timore di una Grexit è molto forte. Gli analisti ritengono che il momento è propizio, congeniato ad arte dalla stampa al servizio della grande speculazione e dalla tempistica di negoziati fra creditori e debitori che non giungono a una conclusione. Tuttavia forse non devono nemmeno giungere a una conclusione nell’immediato, altrimenti finisce il bello (il club masonico Bilderberg si era riunito appositamente la scorsa settimana).

Così, quello che volevano ottenere i ribassisti lo hanno ottenuto mandando a picco borse e mercati obbligazionari europei, saliti troppo nei primi mesi dell’anno. Del resto un Btp decennale che rendeva 1,4% o un Bund allo 0,15% era qualcosa di anomalo per non dire assurdo nel panorama finanziario europeo. Così, nel bel mezzo del marasma, il Bund è tornato a salire di prezzo, mentre il Btp è sceso insieme a tutto il resto della periferia europea. Per non parlare dei titoli di stato ellenici che sulla parte biennale scontano un rendimento che sfiora il 30%.

In Europa la ripresa economica c’è e timidamente si sta rialzano anche l’inflazione. Il presidente della Bce, Mario Draghi, ha ribadito, all’inizio della sua audizione al Parlamento europeo come i dati dimostrino che la ripresa economica sta procedendo a ritmo moderato. Il piano di riacquisto di bond europei prosegue secondo programma (60 miliardi al mese) e questo funge anche da cuscinetto in caso la situazione in Grecia dovesse precipitare. Anche se lo scenario peggiore pare sia scongiurato: non c’è volontà da nessuna delle due parti (creditori e greci) di finire in stato di insolvenza. I soldi per tirare avanti la carretta (greca) ci sono, sono quelli della Ue e del FMI, ma resta da stabilire come continuare ad erogarli. Tutto il resto sono notizie messe in circolo ad arte dalla speculazione.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui