Guida al concedo parentale per i dipendenti

Le nuove leggi hanno rivoluzionato le modalità di accesso e di fruizione dei congedi parentale. Vediamo nel dettaglio in cosa consiste e chi può accedere.

30 Luglio 2013 20:260 commentiVisualizzazioni: 33

ISP_immag_web_famigliaCos’è il congedo parentale

Il congedo parentale è un servizio dell’Inps che consiste in una indennità pari al 30% dello stipendio mensile del lavoratore che viene corrisposta dall’Istituto quando questo si assenta per motivi famigliari.

► Le prime regole dell’Inps per il voucher baby sitter

Quanto dura il congedo parentale per i dipendenti

I lavoratori dipendenti hanno diritto ad astenersi dal lavoro per periodi diversi in base alla loro situazione. Nello specifico, nei primi 8 anni di vita del bambino (per i genitori adottivi il conteggio degli otto anni inizia dall’entrata in famiglia del bambino):

– la madre può astenersi dal lavoro per un periodo complessivo – continuativo o frazionato – non superiore ai 6 mesi;

– il padre può astenersi dal lavoro per un periodo complessivo – continuativo o frazionato – non superiore ai 7 mesi;

– il genitore unico è agevolato con una durata del congedo di 10 mesi.

Nel caso in cui i genitori decidono di fruire del congedo parentale contemporaneamente, ne avranno diritto per un periodo totale massimo di 11 mesi.

► Guida alla richiesta del Bonus Bebè 2013

Se la madre del bambino è una lavoratrice autonoma o casalinga, per poter usufruire dei giorni previsti dal congedo parentale deve dimostrare l’impossibilità della madre a prendersi cura del bambino. I motivi possono essere accertamenti sanitari, partecipazione a pubblici concorsi, cure mediche etc.

Per usufruire del congedo il genitore deve dare 15 giorni di preavviso, regola non valida in caso di dimostrata impossibilità.

Abbiamo parlato di: ,