Ci sono alcuni cittadini italiani, pensionati, che quest’anno non dovranno più pagare l’IMU per via di una legge che ha fatto ordine anche tra i casi particolari. Proviamo a capirci qualcosa insieme. 

I pensionati italiani residenti all’estero che hanno un immobile in Italia che non sia né abitato, né affittato, né concesso in comodato d’uso, a patto di rispettare tutti gli altri requisiti definiti dalla legge, non dovrebbe pagare niente.

La normativa prevede l’esenzione dell’IMU per l’abitazione principale, ovvero l’immobile in cui il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente. Devono quindi ricorrere entrambe le condizioni di residenza e dimora abituale e l’unica eccezione è rappresentata dagli immobili di lusso con categoria catastale A/1, A/8 e A/9 per le quali l’Imu è dovuta.

> 16 miliardi di tasse in più il prossimo anno?

I requisiti per poter fruire dell’agevolazione di esenzione IMU su una sola unità immobiliare posseduta in Italia dal cittadino italiano residente all’estero sono:

  • possedere cittadinanza italiana
  • essere iscritto all’AIRE
  • essere titolare di una pensione estera.

I Comuni avrebbero potuto definire delle agevolazioni per consentire a tutti di avere degli sconti ma rispetto ai casi particolari è stato fatto davvero niente. Adesso possiamo sostenere a gran voce che per legge le persone che non risiedono nel nostro Paese, i pensionati che hanno dimora abituale all’estero, possono essere esentati dal pagamento dell’IMU della casa in Italia e otterranno delle agevolazioni anche per il pagamento di TASI e TARI dovute in misura ridotta a 2/3.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui