L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione degli utenti un gran numero di servizi telematizzati di cui i contribuenti si possono avvalere. Alcuni servizi sono sottoposti alla registrazione ai servizi Entratel, facile e gratuita da ottenere, utile per tenere sotto controllo il proprio cassetto fiscale.

Altri servizi, invece, possono essere usati anche senza essere registrati al portale dell’Erario. In questo secondo insieme rientra ad esempio il servizio di controllo dei valori bollati.

Il contribuente è guidato nella fruizione del servizio. In primo luogo si ricorda che per avere un esito, nella maschera di dialogo deve essere inserito il codice di 14 numeri presenti sopra il codice a basse, nella parte bassa del contrassegno.

Se il contrassegno è stato emesso prima del 15 marzo 2006 allora devono essere inseriti soltanto gli undici numeri finali senza digitare le prime tre cifre che sono “010”.

Perché verificare la validità di un contrassegno? Perché potrebbe essere stato contraffatto, per esempio, stampandolo su etichette rubate o semplicemente smarrite. Nel momento in cui il contrassegno risulta annullato nel sistema, il contribuente sarà chiamato a consideralo non valido. Il tabaccaio, infatti ha annullato il contrassegno stesso con la procedura messa a sua disposizione e i contrassegni annullati non possono essere venduti.

A questo punto la ricerca si effettua inserendo obbligatoriamente il numero dello scontrino e facoltativamente la data della sua emissione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui