Home News La Germania contro la nuova privacy WhatsApp: possibili impatti economici

La Germania contro la nuova privacy WhatsApp: possibili impatti economici

Sollevano discussioni le novità sulla privacy WhatsApp che entreranno in vigore dal 15 maggio. Un regolatore tedesco afferma che il tentativo di Facebook di far accettare agli utenti di WhatsApp le pratiche di raccolta dei dati in base a una politica sulla privacy aggiornata non è legale. Di conseguenza, il regolatore ha ordinato a Facebook di interrompere la raccolta di dati dagli utenti di WhatsApp nel paese con un divieto di emergenza di tre mesi.

privacy WhatsApp

La nuova privacy WhatsApp rifiutata dalla Germania dal 15 maggio

Il capo dell’autorità per la privacy di Amburgo, Johannes Casper, ha affermato che i termini aggiornati sono eccessivamente ampi, incoerenti e non trasparenti. Ha suggerito che Facebook potrebbe già gestire male i dati e che era fondamentale impedire che un potenziale uso improprio influisse sulle elezioni tedesche entro la fine dell’anno. Caspar ha chiesto alle autorità di regolamentazione dell’Unione europea di intervenire e di emettere una sentenza che coprirà tutti gli Stati membri dell’UE. In precedenza aveva ordinato a Facebook di interrompere la raccolta dei dati dagli utenti di WhatsApp nel 2016 e di eliminare tutte le informazioni raccolte.

Facebook ha risposto alle affermazioni di Caspar. Ha detto a Bloomberg che l’ordine è “basato su un malinteso fondamentale” circa gli obiettivi e l’impatto dei termini aggiornati. Facebook ha affermato che il divieto non gli impedirà di implementare le nuove regole.

Gli utenti di WhatsApp dovranno accettare i termini entro il 15 maggio. Facebook ha posticipato la scadenza dall’8 febbraio tra “confusione” e “disinformazione” sulla politica aggiornata e per dare agli utenti più tempo per esaminarla. Sebbene Facebook abbia affermato di essere impegnato nella crittografia end-to-end per i messaggi in WhatsApp, la politica gli consentirà di condividere determinati dati dal servizio con altre parti della sua attività. Ciò include numeri di telefono, dati sulle transazioni, informazioni sul dispositivo mobile, indirizzi IP e altri dettagli.

I funzionari in Germania sono ai ferri corti con Facebook da anni su questioni come la privacy e i tentativi dell’azienda di unire i dati degli utenti dai suoi vari servizi. L’ultimo divieto arriva in mezzo a un esame più approfondito delle principali società di social media da parte delle autorità di regolamentazione di tutto il mondo. A dicembre, la Federal Trade Commission ha chiesto a Facebook, WhatsApp e altri sette servizi di social media e streaming video di spiegare le loro politiche sulla privacy e come gestiscono i dati degli utenti.

Staremo a vedere quale sarà l’impatto economico sull’azienda, dopo il passo indietro della Germania sulla nuova privacy WhatsApp.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui