Home News La terza dose di Pfizer: cosa sappiamo a luglio 2021

La terza dose di Pfizer: cosa sappiamo a luglio 2021

Da alcuni giorni a questa parte si parla con insistenza della terza dose di Pfizer e della necessità di procedere in questa direzione nei prossimi mesi. Pfizer sta per chiedere l’autorizzazione degli Stati Uniti per una terza dose del suo vaccino contro il Covid-19 , dicendo giovedì che un altro vaccino entro 12 mesi potrebbe aumentare notevolmente l’immunità e forse aiutare a scongiurare l’ultimo preoccupante mutante del coronavirus.

terza dose di Pfizer

Cosa sappiamo sulla terza dose di Pfizer

La ricerca di più paesi mostra che il vaccino Pfizer e altri vaccini Covid-19 ampiamente utilizzati offrono una forte protezione contro la variante delta altamente contagiosa , che si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo e ora rappresenta la maggior parte delle nuove infezioni negli Stati Uniti.

Due dosi della maggior parte dei vaccini sono fondamentali per sviluppare alti livelli di anticorpi anti-virus contro tutte le versioni del coronavirus, non solo la variante delta, e la maggior parte del mondo è ancora alla disperata ricerca di quelle dosi protettive iniziali mentre la pandemia continua a imperversare.

Ma gli anticorpi diminuiscono naturalmente nel tempo, quindi sono in corso anche studi per stabilire se e quando potrebbero essere procedere in giro per il mondo con la terza dose di Pfizer. Giovedì, il dottor Mikael Dolsten di Pfizer ha dichiarato all’Associated Press che i primi dati dello studio di richiamo dell’azienda suggeriscono che i livelli di anticorpi delle persone aumentano da cinque a dieci volte dopo una terza dose, rispetto alla seconda dose mesi prima.

Ad agosto, Pfizer prevede di chiedere alla Food and Drug Administration l’autorizzazione di emergenza per una terza dose, ha affermato. Dolsten ha indicato i dati provenienti da Gran Bretagna e Israele che mostrano che il vaccino Pfizer “neutralizza molto bene la variante delta”. Il presupposto, ha detto, è che quando gli anticorpi scendono abbastanza, il virus delta alla fine potrebbe causare una lieve infezione prima che il sistema immunitario si riattivi.

Ma l’autorizzazione della FDA sarebbe solo un primo passo: non significherebbe automaticamente che agli americani vengano offerti dei booster, ha avvertito il dottor William Schaffner, un esperto di vaccini presso il Vanderbilt University Medical Center. Le autorità sanitarie dovrebbero decidere se sono davvero necessarie, soprattutto perché milioni di persone non hanno protezione.

Staremo a vedere quale direzione verrà presa nel corso delle prossime settimane, a proposito della terza dose di Pfizer. Di sicuro, alla luce della variante delta, si tratta di una questione estremamente delicata ad oggi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui