Home News La variante Deltacron non dovrebbe condizionare i mercati

La variante Deltacron non dovrebbe condizionare i mercati

Troppo sensazionalismo, almeno per ora, per quanto riguarda la possibile variante Deltacron. Un mix tra la Delta e Omicron che rischia di condizionare inutilmente i mercati. Cipro ha scoperto il nuovo ceppo di Covid-19 soprannominato “Deltacron”, che è una combo di entrambe le varianti Delta e Omicron, ma allo stato attuale non sembrano esserci particolari ragioni per ritenersi ulteriormente preoccupati, al di là di qualche titolo acchiappaclick apparso in rete.

Deltacron

Cosa sappiamo al momento sulla variante Deltacron

Deltacron ha fatto tendenza online e diversi esperti affermano che non è una vera variante di Covid-19. Questo arriva mentre il mondo è alle prese con Omicron , un nuovo ceppo del virus SARS-CoV-2. Deltacron potrebbe non essere una variante reale, ma piuttosto il risultato di una contaminazione, ha affermato il virologo Tom Peacock sui social media.

Quando nuove varianti arrivano ai laboratori di sequenziamento, la contaminazione non è rara (un volume molto piccolo di liquido può causarla) – solo che in genere queste sequenze abbastanza palesemente contaminate non vengono riportate dai principali media. Non a caso, secondo il ministro della Salute di Cipro, Michalis Hadjipandelas, la nuova variante Deltacron non rappresenta nulla di cui preoccuparsi in questo momento.

Il nome scientifico della variante non è stato ancora annunciato, ha detto Hadjipandelas a Cyprus Mail, aggiungendo che ulteriori informazioni sulla variante saranno annunciate in una conferenza stampa prevista per i prossimi giorni. Situazione assolutamente sotto controllo, nonostante alcuni addetti ai lavori abbiano esagerato soprattutto coi titoli degli articoli pubblicati negli ultimi giorni.

La notizia arriva dopo che la Francia ha annunciato la scorsa settimana che è stata rilevata una nuova variante nota come IHU. Nonostante ciò, gli scienziati confermano che l’IHU non sembra essere motivo di preoccupazione. Nel frattempo, le infezioni combinate delle varianti Delta e Omicron hanno nuovamente travolto il mondo e hanno sopraffatto i sistemi sanitari negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

A seguito dei test positivi l’8 gennaio, l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha segnalato 146.390 nuovi casi e 313 decessi in 28 giorni. Il Center for Disease Control and Prevention (CDC) ha riferito che anche i tassi di casi di COVID19 sono elevati in molte parti del paese. Il CDC ha riferito che il numero medio di nuovi casi al giorno era 586.391, con un aumento dell’85,7% rispetto alla settimana precedente. Staremo a vedere quali saranno le prossime novità che verranno a galla nei prossimi giorni per chi è alla ricerca di news sulla variante Deltacron.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui