Il land grabbing non dà i risultati sperati

Home > Lavoro > Mercato del Lavoro > Il land grabbing non dà i risultati sperati

Se il Land Grabbing (locuzione che in italiano si può tradurre come accaparramento delle terre) è un fenomeno storico e economica presente lungo tutto il corso della storia dell’uomo, così come si sta trasformando ora rischia di essere più deleterio che benefico, sia per gli investitori sia per i paesi  coinvolti.

Anche la Fao è da sempre stata favorevole all‘investimento straniero nell’agricoltura nei paesi in via di sviluppo, un modo di operare che, se da un lato fa gioco all’economia dei paesi sviluppati, che hanno maggiori possibilità di coprire le richieste alimentari della popolazione, dall’altro si configurava come un modo per aiutare anche le economie dei paesi in via di sviluppo , sia in termini di produzione che di infrastrutture.

Ma, da quanto emerge dal rapporto Trends and Impacts of Foreign Investment in Developing Country Agriculture:

Il numero dei posti di lavoro creati è stato decisamente inferiore a quanto non fosse stato inizialmente annunciato ed in alcuni casi perfino i posti di lavoro per mano d’opera poco qualificata sono stati presi da personale non locale.

Mentre diversi studi documentano con chiarezza gli effetti negativi delle acquisizioni di terra su larga scala nei Paesi in via di sviluppo, non ci sono molti riscontri sui loro possibili benefici per il Paese ospite, specialmente nel breve periodo e a livello locale.

Le alternative ci sono – accordi di agricoltura contrattuale, sistemi di piantagioni satellite con condivisione del capitale e joint ventures tra le compagnie che investono e le cooperative contadine locali – ma, per raggiungere questi obiettivi è necessario un intervento più profondo dei singoli governi e delle istituzioni che dovrebbero concentrarsi di più sui benefici alla popolazione e non a quelli delle  grandi multinazionali che investono  in questi territori.

Lascia un commento