Il primo giorno di Mediaset senza Sky è stato abbastanza difficile sul fronte degli ascolti. In particolar modo in prima serata (quella che conta di più), soprattutto sulla rete ammiraglia Canale 5.

Per limitare i danni del criptaggio del segnale a danno degli abbonati a Sky, Canale 5 gioca in prima serata il jolly di Checco Zalone programmando il film campione di incassi “Casco dalle nubi”.

Ma le cose non vanno bene dal momento che Canale 5, nella fascia oraria più pregiata, rispetto al martedì della settimana precedente perde spettatori. I dati Auditel parlano di 3 milioni 802 mila “teste” (ieri) contro i 4 milioni 341 di martedì primo settembre. Il colpo a Canale 5 si vede, oltre che come teste, anche come share (la spartizione del pubblico tra le diverse reti). In questo caso, il canale principe di Mediaset passa dal 19,97 al 15,74%. Va meglio Rete 4 (forse perché ha un target più anziano). Il canale guadagna circa 50 mila spettatori da un martedì all’altro. E regge benissimo l’urto Italia 1, che cresce di oltre 300 mila persone nonostante il criptaggio.

Ma alla fine i conti di Mediaset non tornano comunque perché in prima serata, da un martedì all’altro, le sue tre reti insieme passano dal 29,99 per cento al 26,27 (come share). Questo tra le ore 21 e le 22.59. Intanto sono andati bene i due canali che sostituiscono Canale 5 e Italia 1 sui tasti 105 e 106 del telecomando satellitare. In particolare la rete Fox che è al tasto 106 è passata da 32 mila a 187 mila spettatori, mentre Sky Uno da 18 mila a 37 mila (martedì scorso i due canali erano sui numeri 108 e 112 del telecomando).

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui