Monte Paschi Siena, fiducia del Cda a Profumo

Home > News > Italia > Monte Paschi Siena, fiducia del Cda a Profumo

 Il Consiglio di Amministrazione di banca monte dei Paschi di Siena, ha dato la piena fiducia sia al presidente che all’amministratore delegato del gruppo.

La Mansi spiega l’aumento di capitale di Mps a maggio e invita Profumo a non dimettersi

Lo rende noto l’agenzia Fta On line:  ” Così si è espresso il Cda di Mps nei confronti di Alessandro Profumo e Fabrizio Viola che rimangono quindi alla guida dell’istituto senese. L’AD di Rocca Salimbeni Viola, secondo quanto emerge da un comunicato, aveva presentato le proprie dimissioni dopo la riunione del 28 dicembre, durante la quale gli azionisti avevano bocciato la ricapitalizzazione da 3 miliardi di euro entro gennaio posticipandola a giugno, ma le ha successivamente ritirate. In una nota diffusa da Rocca Salimbeni, si precisa che, anche su richiesta della Consob, “saranno avviati approfondimenti di natura tecnico-legale inerenti agli eventuali effetti dannosi conseguenti allo slittamento dell’aumento di capitale”. Il Consiglio di Amministrazione spera che la Fondazione “sia in grado di procedere alla dismissione della partecipazione in Mps in termini rapidi, con un impatto positivo per realizzare l’aumento di capitale”. Il presidente Alessandro Profumo ha dichiarato ai giornalisti che l’aumento di capitale si farà e che con la Fondazione ci sono “i rapporti che esistono tra un azionista ed una banca che ha un azionista”. Il titolo Mps chiude la seduta di ieri con un progresso del 2,65%.”

Le preoccupazioni della Fondazione del Mps

Banca Mps prosegue la reazione avviata dai minimi di metà dicembre a quota 0,1510. Oltre 0,1950, lato alto del gap ribassista del 26 novembre, il titolo dovrà scontrarsi con le aree di resistenza a 0,20 e 0,21, rispettivamente il 50% e il 61,8% di ritracciamento del ribasso dal top di ottobre. Sviluppi positivi giungerebbero infatti solo oltre quest’ultima soglia, area di transito della media mobile a 200 giorni. Discese sotto 0,1730 rischiano invece di vanificare gli sforzi dell’ultimo mese prospettando cali che potrebbero estendersi sotto 0,1510, in direzione dei bottom del 2012 a 0,1432.

 

Lascia un commento