Dal primo gennaio 2013 sono state introdotte delle novità nella fatturazione IVA dopo la promulgazione della legge di Stabilità. Tutto è riepilogato per bene nella circolare dell’Agenzia delle Entrate numero 12/E del 3 maggio 2013.

Questa circolare ha affrontato soprattutto tre problemi principali che sono il reverse charge, la fatturazione e le operazioni intracomunitarie.

L’aumento IVA ci sarà o no?

Per quanto riguarda il reverse charge si sa che dal primo gennaio 2013 la cosiddetta inversione contabile sarà applicata sia alle cessioni di beni, sia a tutte le prestazioni di servizi fatte nel territorio dello stato da un soggetto passivo comunitario.

Chiaramente esistono degli obblighi per il committente che deve sia numerare la fattura del fornitore comunitario inserendo il controvalore in euro del corrispettivo oltre a tutti gli altri elementi, e in più deve annotare la fattura entro il 15 del mese successivo a quello di ricezione della fattura stessa.

La fatturazione elettronica, invece, è approvata ma per adottarla è necessario il consenso del destinatario e la sua autenticità deve essere garantita tramite i sistemi di controllo di gestione, tramite la firma elettronica qualificata e tramite i sistemi EDI di trasmissione elettronica dei dati.

Un altro breve riepilogo dell’Iva per cassa

Riguardo la numerazione progressiva delle fatture è necessario che siano identificate in modo univoco quindi si può adottare alternativamente la numerazione progressiva, oppure partire dall’ultima fattura del 2012, oppure usare la numerazione progressiva per anno solare.

Commenti