Home News Ormai è crisi in Italia per il vaccino AstraZeneca oggi 12 aprile

Ormai è crisi in Italia per il vaccino AstraZeneca oggi 12 aprile

Secondo il presidente della regione Sicilia, Nello Musumeci, fino all’80% delle persone ha offerto il vaccino AstraZeneca Covid-19 in Sicilia lo rifiuta per timori sulla sua sicurezza. La fiducia del pubblico nel vaccino anglo-svedese è stata gravemente scossa da rapporti che lo collegano a coaguli di sangue rari, ma potenzialmente fatali, e da raccomandazioni contrastanti sul suo utilizzo.

Vaccino AstraZeneca

Come vanno le cose per il vaccino AstraZeneca in Sicilia

A detta del governatore, la situazione relativa al vaccino AstraZeneca pare essere di facile lettura: “In Sicilia, c’è un tasso di rifiuto dell’80 per cento del vaccino AstraZeneca. Ogni 100 persone, 80 dicono di no”, ha detto Musumeci sabato a Catania, secondo diversi resoconti dei media.

Musumeci ha aggiunto: “E ‘naturale” che le persone siano particolarmente preoccupate “, ma abbiamo il dovere di credere agli scienziati quando dicono che è più pericoloso non farsi vaccinare che vaccinarsi”.

Il presidente in realtà intendeva dire “fino all’80 per cento”, ha detto domenica all’Afp la sua portavoce Michela Giuffrida, aggiungendo, ad esempio, che nella città di Siracusa il tasso di rifiuto è stato del “30 per cento”.

Un boicottaggio su larga scala del vaccino AstraZeneca metterebbe il piano vaccinale italiano, già alle prese con carenze di approvvigionamento e priorità pasticciate, sotto ulteriore stress. All’inizio di questa settimana, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha affermato che i coaguli di sangue dovrebbero essere elencati come un effetto collaterale “molto raro” del vaccino AstraZeneca, ma ha aggiunto che i benefici hanno continuato a superare i rischi.

L’annuncio è arrivato dopo che l’EMA ha esaminato 86 casi di coagulazione del sangue, 18 dei quali fatali, su circa 25 milioni di persone in Europa che hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca. La maggior parte dei casi riguardava donne di età inferiore ai 60 anni.

In risposta ai risultati, l’Italia – che inizialmente raccomandava il vaccino AstraZeneca per i soggetti di età compresa tra i 18 ei 55 anni – ne ha limitato l’uso a quelli di età pari o superiore a 60 anni.

Un’azione simile è stata intrapresa in altri paesi europei. Le persone di 70 anni sono tra quelle più trascurate, con solo il 2,7% completamente vaccinato rispetto al 4,1% delle persone di 20 anni. Complessivamente, l’Italia ha somministrato quasi 13 milioni di dosi e vaccinato completamente 3,9 milioni di persone, pari a circa il 6,5% di una popolazione totale di circa 60 milioni. Staremo a vedere come andranno le cose con il vaccino AstraZeneca nel corso delle prossime settimane qui in Italia e nel resto del mondo, dopo gli ultimi dati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui