La prima scadenza per IMU, TASI e TARI è a giugno. Le prima due dovranno essere pagate in autoliquidazione dai proprietari immobiliari e terrieri entro il 16 giugno. Mentre per la TARI i contribuenti devono aspettarsi di ricevere dei bollettini a casa entro il 30 giugno. Le Poste dedicheranno comunque uno sportello a queste imposte. 

Poste Italiane, nei suoi uffici in tutta Italia ha deciso di dedicare uno sportello al pagamento con F24 o con bollettino postale dell‘IMU, della TASI e della TARI.

Sportelli dedicati interamente a questi tributi in tutte le sedi di Poste Italiane per smaltire da oggi fino al 16 giugno i pagamenti delle imposte sulla casa. Allo sportello di potranno pagare sia gli F24 che i bollettini. Il bollettino posta può essere pagato in contanti ma anche tramite carte Postamat – per i titolari di un conto BancoPosta – oppure tramite bancomat per tutti gli altri istituti bancari.

IMU TASI, deve essere richiesto il bollettino precompilato

Per l’IMU c’è anche un nuovo servizio digitale accessibile dal portale della società. per il pagamento dell’imposta, in modo da velocizzare la pratica allo sportello. Il contribuente, infatti può compilare online il modello F24 inserendo i dati richiesti anche allo sportello. Poi il modello F24 deve essere stampato e sarà fornito al contribuente un codice identificativo che è usato poi allo sportello per far comparire l’F24 precompilato e rendere l’operazione di pagamento più veloce e più semplice.

Il servizio di F24 online sarà disponibile anche a chi non è registrato sul sito di Poste Italiane. Chi non ha accesso alla procedura online, quando allo sportello effettua il primo versamento, può farsi rilasciare un codice a bare da usare nei pagamenti successivi per caricare i dati già inseriti.

Commenti