Home Finanza Personale Mutui Prima di accendere un mutuo – Conoscere l’importo che la banca concede

Prima di accendere un mutuo – Conoscere l’importo che la banca concede

Accendere un mutuo significa quasi sempre impegnarsi ad onorare un impegno finanziario notevole, di medio o lungo termine, la cui durata può variare dai 5 ai 30 o ai 40 anni. La scelta di stipulare un contratto di mutuo, quindi, non deve essere fatta con leggerezza, ma valutando attentamente la propria situazione finanziaria e patrimoniale. Per questo motivo è opportuno non solo conoscere in maniera approfondita il prodotto finanziario che si decide di sottoscrivere, ma anche le conseguenze di medio e lungo termine a cui si va incontro dal punto di vista personale.

Il mutuo Domus offerta Superflash di Intesa Sanpaolo

La prima cosa da prendere in considerazione quando si decide di stipulare un contratto di mutuo per l’acquisto di una nuova abitazione è l’importo totale che l’intermediario – banca o altro istituto di credito – è disposto al concedere al cliente – il mutuatario. In merito a questo aspetto, infatti, è necessario sapere che le banche non concedono quasi mai ai clienti finanziamenti il cui importo supera l’80% del valore complessivo dell’immobile che si decide di acquistare.

Come compilare il modulo per la richiesta della portabilità del mutuo

Il valore complessivo dell’immobile, inoltre, viene stabilito dall’intermediario stesso attraverso la redazione di una perizia realizzata da un esperto – consulente o altro professionista – che lavora per l’intermediario.

Solo in via eccezionale gli istituti di credito possono decidere di concedere un finanziamento il cui importo totale supera l’80% del valore dell’immobile, ma in questo caso al cliente mutuatario vengono richieste maggiori garanzie e offerte condizioni che possono essere meno favorevoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui