Home News Prime repliche dall’Australia per l’Italia dopo il blocco esportazione dei vaccini AstraZeneca

Prime repliche dall’Australia per l’Italia dopo il blocco esportazione dei vaccini AstraZeneca

L’Australia ha chiesto alla Commissione europea di riesaminare la decisione dell’Italia di bloccare una spedizione del vaccino COVID-19 di AstraZeneca. Questo, venerdì 5 marzo sottolineando che le dosi mancanti non influirebbero sul lancio del programma di inoculazione australiano.

vaccini AstraZeneca

Situazione tra Italia e Australia sui vaccini AstraZeneca

L’Italia, sostenuta dalla Commissione europea, ha vietato la prevista esportazione di circa 250.000 dosi del vaccino di AstraZeneca dopo che il produttore del farmaco non ha rispettato gli impegni contrattuali dell’Unione europea.

“L’Australia ha sollevato la questione con la Commissione europea attraverso più canali, e in particolare abbiamo chiesto alla Commissione europea di rivedere questa decisione”, ha detto ai giornalisti a Melbourne il ministro della Salute australiano Greg Hunt.

Hunt ha detto che l’Australia aveva già ricevuto 300.000 dosi del vaccino COVID-19 di AstraZeneca, che sarebbe durato fino a quando la produzione locale del vaccino non fosse aumentata.

L’Australia ha iniziato il suo programma di inoculazione due settimane fa, vaccinando il personale sanitario in prima linea e gli anziani con il vaccino COVID-19 di Pfizer, sebbene le dosi di quel vaccino siano limitate a causa delle scarse forniture globali.

AstraZeneca non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. AstraZeneca non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Mentre cercava l’intervento della Commissione europea, il primo ministro australiano Scott Morrison ha affermato di poter comprendere le ragioni dell’obiezione dell’Italia.

“In Italia le persone muoiono al ritmo di 300 persone al giorno. E quindi posso certamente capire l’alto livello di ansia che esisterebbe in Italia e in molti paesi in tutta Europa”, ha detto Morrison ai giornalisti a Sydney.

La mossa dell’Italia è arrivata pochi giorni dopo che il primo ministro Mario Draghi, insediato il mese scorso, ha detto ai colleghi leader dell’UE che il blocco doveva accelerare le vaccinazioni e reprimere le aziende farmaceutiche che non sono riuscite a mantenere le forniture promesse.

I paesi dell’UE hanno iniziato le vaccinazioni alla fine di dicembre, ma si stanno muovendo a un ritmo molto più lento rispetto a molte altre nazioni, con i funzionari che incolpano i lenti progressi in parte sui problemi di fornitura con i principali produttori.

I funzionari australiani venerdì hanno somministrato la prima dose del vaccino AstraZeneca a un medico.

L’Australia ha ordinato 53,8 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca, sviluppato in collaborazione con l’Università di Oxford. L’azienda farmaceutica locale CSL Ltd si è assicurata i diritti per produrre 50 milioni di quelle dosi in Australia e prevede di rilasciare il primo lotto verso la fine di marzo.

Le dosi prodotte localmente forniranno la spina dorsale del programma di inoculazione dell’Australia, che i funzionari sperano di completare entro ottobre.

L’Australia è sotto pressione in misura minore rispetto a molti altri Paesi, avendo registrato poco meno di 29.000 casi di COVID-19 e 909 decessi. La riduzione dei conteggi di infezione e morte è stata aiutata da rigidi blocchi, sistemi di localizzazione rapidi e chiusure dei confini. Staremo a vedere come evolveranno le cose coi vaccini AstraZeneca.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui