Home News Mondo Promosso il vaccino AstraZeneca in Scozia: i dati sui ricoveri

Promosso il vaccino AstraZeneca in Scozia: i dati sui ricoveri

Il vaccino AstraZeneca funziona, almeno in Scozia. Nuovi dati suggeriscono che i vaccini COVID-19 utilizzati nel Regno Unito potrebbero ridurre il rischio di una persona di essere ricoverata in ospedale fino al 94% quattro settimane dopo la prima dose. Gli esperti hanno esaminato i ricoveri ospedalieri per il coronavirus in Scozia tra le persone che hanno subito il primo colpo e li hanno confrontati con quelli che non avevano ancora ricevuto un vaccino.

Vaccino AstraZeneca

I primi verdetti sul vaccino AstraZeneca in Scozia

Nel dettaglio, scienziati delle Università di Edimburgo, Strathclyde, Aberdeen, Glasgow e St Andrews e Public Health Scotland (PHS) hanno esaminato i dati sulle persone che avevano ricevuto il vaccino Pfizer / BioNTech o quello sviluppato dagli scienziati dell’Università di Oxford con AstraZeneca. Quattro settimane dopo aver ricevuto la dose iniziale, il vaccino di Oxford sembrava ridurre il rischio di una persona di ricovero ospedaliero del 94%.

Coloro che hanno ricevuto il vaccino Pfizer hanno avuto una riduzione del rischio dell’85% tra 28 e 34 giorni dopo la prima dose. I dati per i due vaccini combinati hanno mostrato che tra le persone di età superiore agli 80 anni – che sono ad alto rischio di malattia grave – la riduzione del rischio di ricovero ospedaliero era dell’81% quattro settimane dopo la prima dose.

Il professore capo ricercatore Aziz Sheikh ha dichiarato: “Questi risultati sono molto incoraggianti e ci hanno dato ottimi motivi per essere ottimisti per il futuro. Ora abbiamo prove nazionali – in un intero paese – che la vaccinazione fornisce protezione contro i ricoveri COVID-19”.

Il dottor Josie Murray, responsabile di PHS per il progetto EAVE II, ha dichiarato: “La notizia brillante è che il programma di somministrazione del vaccino nel suo formato attuale suggerisce che sta funzionando. Quello che vorrei esortare le persone a continuare a fare è seguire tutte le linee guida della sanità pubblica per interrompere la trasmissione perché questi risultati non hanno alcuna incidenza sulla capacità del virus di trasmettere da persona a persona”.

Il Primo Ministro scozzese Nicola Sturgeon ha detto che si tratta di “una notizia eccezionalmente incoraggiante” e ha aggiunto: “Spero che dia a tutti noi un po’ di ottimismo per il futuro”. Il team di studio ha affermato che i risultati sono applicabili ad altri paesi che utilizzano i vaccini Pfizer e Oxford / AstraZeneca.

I ricercatori hanno esaminato i dati tra l’8 dicembre, l’8 e il 15 febbraio, e durante questo periodo in Scozia sono stati somministrati 1,14 milioni di vaccini, il 21% della popolazione scozzese. Insomma, vaccino AstraZeneca pienamente promosso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui