Renzi taglierà le tasse anche per pensionati, partite Iva e incapienti

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi aveva già detto che per queste categorie si sarebbe pensato qualcosa

24 Aprile 2014 17:070 commentiVisualizzazioni: 24

 Il decreto sul taglio dell’Irpef è stato proposto ed è alla firma del Presidente della repubblica Giorgio Napolitano. Nel testo sono stati confermati appunto il taglio dell’Irpef, che garantisce un aumento in busta paga per i lavoratori di 80 euro al mese, l’aumento della tassazione sulle rendite finanziarie, che passano dal 20% al 26%, i tagli alle spese dei ministeri, che aumentano e considerano anche la presidenza del consiglio, e i tagli alle società partecipate dallo Stato e alla Rai.

Il testo però non prevede nulla per gli incapienti, i pensionati e la partite Iva. E da qui sono arrivate diverse critiche al governo perché non ha considerato coloro che hanno un reddito basso. Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi su questo ha affermato: “Ho preso un impegno con le partite Iva, gli incapienti e i pensionati di proseguire il lavoro iniziato con i dipendenti di abbassamento delle tasse”. Le dichiarazioni di Renzi sono arrivate durante la sua diretta in cui ha risposto alle domande su Twitter dei cittadini.

 

Riforme, l’Eurogruppo spinge l’Italia di Renzi

 

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi aveva già detto che per queste categorie si sarebbe pensato qualcosa: “Lo Stato deve restituire qualcosa, per la prima volta abbiamo abbassato le tasse. Abbassare le tasse è giusto e doveroso e noi lo facciamo”.

Renzi ha confermato che gli 80 euro non sono un aumento spot ma di una decisione stabile. E su Twitter aveva attaccato Beppe Grillo dicendo: “I comici milionari dicono che 80 euro sono una presa in giro. Se provassero a vivere con 1200 euro al mese non lo direbbero”. Una risposta alle critiche di Grillo che aveva parlato di una mossa elettorale e di un aumento basso.

Abbiamo parlato di: , ,