Svezia, basta carbone: spazio solo al rinnovabile

Dopo aver comunicato di voler diminuire la giornata lavorativa a sei ore, la Svezia dà l’annuncio dell’addio all’energia fossile per diventare, insieme al Costarica, uno dei primi paesi “verdi” al mondo.

Svezia, proposta per diminuire le ore di lavoro giornaliere

Lavorare sei ore al giorno ed essere più sereni. E’ quanto la Svezia ha in programma di fare per incrementare il “tasso di felicità” del Paese, dove probabilmente la depressione invernale colpisce più che altrove.

Svezia, allarme bolla immobiliare

Allarme bolla immobiliare in Svezia: durante i mesi passati, la Riksbank ha dovuto adottare i tassi negativi per fare uscire l’economia da una fase di deflazione, che pareva essersi arrestata, ma che ha fatto il suo ritorno a marzo, con i prezzi tornati in territorio positivo solo durante il mese scorso.

La Svezia potrebbe essere la nuova Grecia

 Una nuova forte minaccia per l’Europa è rappresentata  dalla Svezia, stando a quanto affermato dal Fondo Monetario Internazionale, preoccupato per il rialzo immenso del debito delle famiglie e gli alti prezzi degli immobili.

L’esempio della Svezia per l’Europa

 La gestione della spesa pubblica è sempre un banco di prova per i governi, soprattutto per quelli che economicamente attraversano un momento di crisi. Se si cercasse un esempio di paese quanto a spesa pubblica, si scoprirebbe allora che fa parte della zona euro ed è la Svezia.

Investimenti a rischio nei paesi della black list

La Svezia è stata d’esempio nella gestione della spesa pubblica perché in appena 19 anni, dal 1993 al 2012, è riuscita a ridurre il rapporto tra spesa pubblica e Pil dal 70,5% al 52%. Per capire l’importanza di questo risultato è sufficiente considerare quello che nello stesso tempo ha ottenuto la Francia che in 19 anni ha ridotto la spesa pubblica soltanto di pochissimi punti, passando dal 56,6 al 53,9 per cento.

I paesi del nord che rischiano la bolla immobiliare

Quello che contraddistingue la Svezia è la determinazione nella ricerca del risultato. Infatti Stoccolma, nel 1993, era in una situazione molto critica e aveva un deficit prossimo all’11,2 per cento del prodotto interno lordo, con una serie di problemi importanti legati al sistema bancario.

Il governo ha deciso dunque di adottare delle riforme in grado di stimolare la crescita e ridurre il tasso di disoccupazione, con un incremento del numero di lavoratori rispetto agli inattivi. È stato inoltre rivisto il sistema pensionistico e ridotto il sussidio di disoccupazione che è ancora più difficile da ottenere.

La crisi arriva in Svezia

 La Svezia corre al riparo prima che sia troppo tardi. La Riksbank, la banca centrale svedese, ha deciso di tagliare il tasso di riferimento per il costo del denaro di di 25 punti base portandolo all’1%, il più basso dall’ottobre del 2010. Era una mossa attesa già da qualche tempo, per portare il paese in linea con le attese del mercato.

Gli analisti, poi, prevedono che questo sarà il tasso di riferimento anche per tutto il prossimo anno. Una decisione che mira a dare un po’ di respiro all’economia del paese che, pur restando tra le più solide dell’area Euro, risente della crisi che ha colpito gli altri paesi:

E’ proprio dal quartier generale della Riskbank che fanno sapere che

I negativi sviluppi in Eurozona hanno chiaramente impattato l’economia svedese, che ora risulta in rallentamento. I consumi delle famiglie sono diminuiti, la disoccupazione è aumentata e le pressioni inflazionistiche sono scarse.

Il taglio del costo del denaro mira a riportare il target dei prezzi al consumo attorno al 2% e dare i primi risultati per quanto riguarda la ripresa dell’economia del paese già nell’immediato, anche grazie agli anti-crisi adottate nell’Area Euro, al miglioramento della congiuntura globale e alla politica di tassi bassi applicata dalle autorità monetarie.