Home News Vaccino Pfizer dai 12 anni e 2,1 milioni di dosi in arrivo...

Vaccino Pfizer dai 12 anni e 2,1 milioni di dosi in arrivo in Italia

Una possibile svolta per il vaccino Pfizer. L’azienda ha detto venerdì di aver chiesto alle autorità europee di regolamentazione di autorizzare il loro vaccino COVID-19 per i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni, una mossa vista come un passo cruciale verso il raggiungimento dell’immunità di gregge. Le società hanno già presentato una richiesta simile alle autorità statunitensi all’inizio di questo mese.

Vaccino Pfizer

Due svolte in arrivo per il vaccino Pfizer

Il vaccino Pfizer è atteso in Italia tra il 5 ed il 7 maggio con ulteriori 2,1 milioni di dosi. Ad oggi, è approvato solo per l’uso in persone di età pari o superiore a 16 anni. In una dichiarazione congiunta, Pfizer e BioNTech hanno affermato di aver presentato una richiesta all’Agenzia europea per i medicinali (EMA) con sede ad Amsterdam per espandere l’uso del loro jab per includere “adolescenti dai 12 ai 15 anni di età”.

Ugur Sahin, co-fondatore e CEO della tedesca BioNTech, giovedì ha affermato che il vaccino Pfizer potrebbe essere disponibile per quei gruppi di età a partire da giugno se l’approvazione dell’UE verrà concessa.

La mossa arriva dopo che i dati della sperimentazione di fase 3 hanno dimostrato che il vaccino ha fornito “risposte anticorpali robuste” ed è stato efficace al 100% nel tenere lontano la malattia tra i soggetti di età compresa tra 12 e 15 anni.

“Anche il vaccino è stato generalmente ben tollerato”, ha aggiunto la dichiarazione.

In un’intervista al settimanale Der Spiegel, Sahin ha affermato di aspettarsi che la valutazione dei dati da parte delle autorità di regolamentazione richiederà da quattro a sei settimane.

Se approvato, il via libera si applicherebbe a tutti i 27 stati membri dell’Unione Europea.

Pfizer e BioNTech hanno aggiunto che hanno anche in programma di chiedere autorizzazioni “con altre autorità di regolamentazione in tutto il mondo”.

Nessun vaccino contro il coronavirus è attualmente autorizzato per l’uso sui bambini.

Sebbene i bambini e gli adolescenti abbiano meno probabilità di sviluppare una Covid grave, costituiscono gran parte della popolazione e la loro inoculazione è considerata la chiave per porre fine alla pandemia.

La prospettiva di far beccare i bambini più grandi prima dell’inizio del prossimo anno scolastico allevierebbe anche la tensione sui genitori che si destreggiano tra le esigenze dell’istruzione domiciliare tenendo il passo con il lavoro.

“È molto importante consentire ai bambini di tornare alla loro normale vita scolastica e consentire loro di incontrarsi con la famiglia e gli amici”, ha detto Sahin a Spiegel. Anche BioNTech e Pfizer stanno correndo per ottenere l’approvazione del loro vaccino per i bambini più piccoli, dai sei mesi in su.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui