Home News Ancora voci su un blackout in Europa: la situazione ad inizio 2022

Ancora voci su un blackout in Europa: la situazione ad inizio 2022

Il mese scorso si sono diffuse notizie su possibili blackout in Europa. Questo ha fatto scattare campanelli d’allarme in tutta Europa e ha lasciato le persone a chiedersi se il loro futuro non abbia luce, acqua calda e riscaldamento. Ciò solleva la questione se e come l’UE e i suoi Stati membri stiano gestendo l’imminente transizione energetica. Proviamo a fare il punto della situazione, visto che in questi mesi è stata fatta tanta disinformazione sull’argomento.

blackout in Europa

Cosa sappiamo sul possibile blackout in Europa nel 2022

La notizia di una plausibile interruzione di corrente si sta diffondendo in tutta Europa dopo che il ministro della Difesa austriaco Tanner ha affermato che è solo questione di tempo prima che si verifichi un blackout. Pertanto l’ Austria ha lanciato una massiccia campagna di manifesti per avvertire la sua popolazione e ha avviato simulazioni di emergenza. La notizia si è propagata attraverso decine di canali di notizie online più piccoli creando un certo clamore in alcuni paesi europei.

Ad esempio, in Spagna bombole di gas e attrezzature da campeggio sono andate esaurite a novembre, rendendo necessaria la transizione ecologica e con il Ministro Ribera pronto per intervenire e calmare i nervi dei cittadini. Sebbene i motivi di questi allarmisti possano essere sinceri, una prospettiva di un’Europa energeticamente indipendente che utilizzi le alternative verdi esistenti potrebbe essere un approccio più ottimista piuttosto che scatenare paura e ansia.

Come stanno al momento le cose per coloro che temono un blackout in Europa? La preoccupazione del ministro austriaco sui futuri blackout non può essere sminuita come una fake news. I cambiamenti climatici che incidono sulla produttività delle rinnovabili e la chiusura delle centrali nucleari e a carbone europee confermano un sistema fragile che potrebbe effettivamente portare a interruzioni di corrente. Le politiche dell’UE, che sollecitano una rapida transizione, dovrebbero prendere in considerazione le bandiere rosse che stanno sorgendo da altre parti del mondo, come il blackout su larga scala in Cina questo settembre a causa di un ritmo eccessivo di transizione energetica.

La chiave europea per superare le sfide future e raggiungere gli obiettivi fissati nell’accordo di Parigi è ottenere una fornitura di energia verde sufficiente per l’intera UE prima che tutte le fonti fossili e nucleari vengano tagliate. In questo modo un’Europa interconnessa potrebbe far fronte alla carenza di energia come un’unica unione. Il progetto svedese della griglia termica potrebbe servire come valido esempio per un processo di transizione efficace e sicuro che potrebbe essere portato a livello europeo. Solo così potremo scongiurare un blackout in Europa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui