Home Fisco Normativa Fiscale Come funziona il pignoramento dello stipendio dopo il Decreto del Fare

Come funziona il pignoramento dello stipendio dopo il Decreto del Fare

Il Decreto del Fare ha cercato, tra i tanti obiettivi previsti, anche di rendere più ‘umano’ il rapporto tra i contribuenti e il fisco – inteso qui anche per Equitalia, la società che si occupa della riscossione dei tributi – per andare incontro ai cittadini in questo momento di difficoltà.

Ed Equitalia ha dovuto ammorbidire i suoi metodi e allungare le sue tempistiche, soprattutto quando si tratta di contribuenti in evidente difficoltà causa crisi.

► Nessuna cartella esattoriale per le imprese creditrici delle PA

Le nuove soglie di pignorabilità dello stipendio di Equitalia

Gli stipendi dei contribuenti debitori del fisco saranno pignorati per somme proporzionali al debito stesso:

debito fino a 2.500: pignoramento di è un decimo dello stipendio;

debito compreso tra 2.500 e 5.000 euro: un settimo;

debito superiore ai 5.000 euro: pignoramento di un quinto dello stipendio (limite massimo previsto dalla legge).

Lo stipendio, ma anche le pensioni e altre indennità legate al lavoro, quando versate sul conto corrente del debitore, non saranno mai pignorabili se costiutiscono l’ultimo emolumento ricevuto.

 Come funziona la rateizzazione dei debiti con Equitalia

Le nuove tempistiche del pignoramento dello stipendio

Con il Decreto del Fare si allunga il tempo a disposizione del contribuente per ricorrere alle eventuali tutele previste. Il pignoramento dello stipendio, infatti, non scatterà più a 15 giorni dalla data di notifica da parte della società ma a 60 giorni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui