Debito pubblico, Cannata fiduciosa dopo asta Ctz

Home > Investimenti > Titoli di Stato (Bot, Cct, ecc.) > Debito pubblico, Cannata fiduciosa dopo asta Ctz

La custode del debito pubblico italiano, Maria Cannata, ha fatto bene a sentirsi fiduciosa. Dopo l’esito più che positivo dell’asta di Ctz, si è conclusa nel migliore dei modi e oltre ogni previsione anche l’emissione di Bot a sei mesi.

In altre parole il Tesoro ha fatto il pieno, collocando una somma totale di 8,5 miliardi di euro di debito fisso con scadenza fissata ad agosto di quest’anno. Il rendimento è disceso sotto lo 0,5%, allo 0,455%, spostando al ribasso il livello di 0,503%. Le previsioni mostravano un nuovo minimo storico dei tassi di interesse e in effetti ciò si è verificato.

I CTz sono altri strumenti d’investimento

Il tasso  di rendimento dell’emissione precedente era stato pari a 0,59%. Domanda in diminuzione, al contrario, con il rapporto bid to cover che è sceso a 1,44 dall’1,52 precedente. Lo Spread tra Btp e Bund decennali scambia in area 193 punti base, con rendimento italiano al 3,59%. Restando sempre in campo di debito, dopo quella di Bund decennali è restata tecnicamente scoperta l’asta tedesca di Bund a 30 anni. Secondo tanti, probabilmente, i rendimenti sono troppo bassi per far pensare ed invogliare ad un investimento.

La fiducia al nuovo esecutivo, tranquillizza i mercati

Le richieste da parte degli investitori infatti non hanno toccato i 3 miliardi di euro offerti dal Tesoro tedesco, ma si sono fermate a 2,794 miliardi. Il rendimento medio è calato al 2,53% dal 2,64% dell’asta di ottobre e la domanda è scesa con un rapporto di copertura pari a 1,15 da 1,35 precedente. Berlino ha deciso di collocare sul mercato 2,4383 miliardi di , euro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento