Il mercato americano è profondamente intrecciato, in queste ore, con lo sviluppo e l’esito delle elezioni presidenziali americane. Ci sono tuttavia dati ed elementi che stanno avendo un leggero effetto sulle quotazioni di Wall Street, per esempio i dati sull’occupazione.

Prima delle elezioni americane, il mercato ha avuto soltanto un indicazione per la definizione dei trend, vale a dire la pubblicazione dei dati sull’andamento della disoccupazione negli States in ottobre.

Il tasso di disoccupazione si è tenuto al di sotto della cosiddetta soglia psicologica di sicurezza fissa all’8 per cento, ma gli investitori e i cittadini non gioiscono nel prendere visione che l’indice di disoccupazione per ottobre 2012 è del 7,9%. E’ aumentato dello 0,1 per cento rispetto al mese precedente.

Questo aumento dell’indice non è stato arginato nemmeno dall’incremento del numero dei lavoratori del settore non agricolo che sono aumentati di ben 117 mila unità. In realtà i dati sulla disoccupazione sono tratti dalla banca dati degli uffici di collocamento, mentre i dati sui lavoraotri del settore agricolo sono tratti dalle statistiche sulle buste paga.

A livello generale, il leggero aumento del numero degli iscritti alle liste di disoccupazione, è valutato positivamente dagli investitori che leggono in questo comportamento una rinnovata voglia di cercare lavoro da parte degli americani.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui