E’ bastato veramente poco per il verificarsi dell’effetto del cambio sui mercati internazionali dei prodotti petroliferi, a seguito della brusca fiammata delle quotazioni in euro in scia al deciso indebolimento della moneta unica.


Per tale causa, già sabato scorso sono stati fatti rilevare i primi rialzi dopo il segnale in salita di venerdì di TotalErg (primo “segno più” da inizio ottobre), con Eni a intervenire su benzina, diesel e Gpl (+1,5 cent) e Q8 ed Esso ad aumentare verde e gasolio di 1 cent. A queste compagnie, secondo quanto riferito dagli organi di stampa specializzati nel comparto, si sono aggiunte oggi anche IP e Shell, con rialzi su benzina e diesel di 1 cent. Da segnalare inoltre un passo avanti generalizzato sul Gp di 1 cent. Questi i risultati da evidenziare:

Sul territorio prezzi prezzi praticati in salita, no-logo comprese. Secondo quanto risulta in un campione di impianti che rappresenta la situazione italiana per il servizio Check-Up Prezzi QE, il prezzo medio praticato “servito” della benzina va oggi dall’1,555 euro/litro di Eni all’1,571 di Q8 e Shell (no-logo a 1,433). Per il diesel si passa dall’1,472 euro/litro di Eni all’1,497 di Q8 e Shell (no-logo a 1,342). Il Gpl, infine, è tra 0,592 euro/litro di Esso e 0,618 di Shell (no-logo a 0,594).

Le punte minime sempre sul “servito” (no-logo escluse), osservate per tutti e tre i prodotti nel nord Italia, sono cresciute oggi fino a 1,469 euro/litro per la benzina, 1,416 per il diesel e 0,552 per il Gpl.

La benzina, dunque, torna a salire in termini di prezzi per via di un forte indebolimento della moneta unica europea sui principali mercati.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui