Home News Italia Gli stipendi d’oro dei dipendenti della Camera

Gli stipendi d’oro dei dipendenti della Camera

In tempi di tagli alla spesa pubblica, anche le retribuzioni dei vari dipendenti dello Stato diventano di interesse generale. E dopo la volta delle pensioni d’ oro dell’ INPS, per cui una apposita interrogazione parlamentare ha appurato che vi sono assegni mensili che superano anche i 91 mila euro, ora è la volta degli stipendi dei dipendenti della Camera.

Dall’INPS pensioni d’oro fino a 90 mila euro al mese

Una nuova interrogazione parlamentare ha infatti chiarito che anche presso la Camera esistono alcuni profili professionali che sono oggetto di retribuzioni decisamente dorate.

Le 10 pensioni INPS più ricche d’Italia

I risultati di questa “indagine interna”, tuttavia, sono stati pubblicati sul sito stesso della Camera e sono ora di dominio pubblico. Ecco quindi, in ordine decrescente, le retribuzioni d’oro di tutti coloro che sono alle dipendenze del Palazzo.

  1. Segretario generale –  406.399,02 euro (al momento dell’assunzione, a netto cioè dell’ aumento biennale del 2,5%)
  2. Vice segretario – 304.847,29 euro
  3. Consiglieri parlamentari – da 64 mila euro a 358mila euro dopo 40 anni di attività.
  4. Documentaristi e ragionieri – da 40 mila euro
  5. Segretari parlamentari – partono da 34 mila euro e possono arrivare fino a i 156 mila dopo 40 anni di attività.
  6. Commessi – da 34 mila euro al momento dell’assunzione con gli stessi scatti previsti per le altre categorie.
  7. Tecnici audio e video – partono da 30 mila euro ma arrivano fino a 152 mila
  8. Operatori tecnici –  da 30.351,39 euro al momento dell’assunzione ai 136 mila euro dopo 40 anni di attività. In questa categoria sono compresi diversi profili professionali, che vanno dal barbiere, al falegname, all’elettricista, al centralinista.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui