Home Finanza Personale Inflazione, ancora una frenata dei prezzi nelle rilevazioni di giugno

Inflazione, ancora una frenata dei prezzi nelle rilevazioni di giugno

L’inflazione a giugno frena ancora, toccando il livello più basso da ottobre 2009. Scendono  anche i prezzi del cosiddetto “carrello della spesa”, che a giugno toccano i livelli più bassi registrati da 17 anni.

L’indice calcolato dall’Istat riporta un aumento dello 0,1% riguardo al mese precedente per un dato tendenziale in aumento dello 0,3%, in calo dallo 0,5% di maggio. Per l’Istat il calo dell’inflazione è anzitutto ascrivibile all’accentuarsi della diminuzione dei prezzi degli alimentari non lavorati; partecipano in misura inferiore anche le decelerazioni della crescita su base annua dei prezzi degli alimentari lavorati, dei beni energetici non regolamentati e dei servizi attinenti all’abitazione.

Inflazione bassa, rimane sempre il maggior problema in Europa

L’«inflazione di fondo», al netto degli alimentari freschi e dei beni energetici, scende allo 0,7% (dallo 0,8% di maggio) e al netto dei soli beni energetici va allo 0,5% (da +0,6% del mese precedente). L’aumento mensile dell’indice generale è da annoverare soprattutto ai rialzi – su cui ricadono fattori di natura stagionale – dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+0,7%). L’inflazione ottenuta per il 2014 rimane stabile allo 0,3%. I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona, che fanno parte del cosiddetto `carrello della spesa´ si riducono dello 0,5% in termini tendenziali (da +0,1% del mese precedente), toccando il livello più basso registrato da settembre 1997.

Il dato sull’inflazione, per la Cisl, «conferma che permane uno stato di forte crisi della domanda interna e dei consumi», e che «occorre intervenire con mezzi straordinari, proseguendo sulla linea già tracciata dal Governo con il bonus fiscale».

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui