La guerra valutaria sarà uno dei driver di mercato

Home > News > Mondo > La guerra valutaria sarà uno dei driver di mercato

L’istituto di Francoforte sta predisponendo   nuove manovre di politica monetaria che dovrebbero  provvedere, in caso di necessità, alla  liquidità del sistema finanziario,  e sembra chiaro che  i tassi di interesse resteranno su livelli molto bassi ancora per lungo tempo, anche grazie a un’inflazione che, seppur sui livelli minimi dell’ultimo decennio, è attesa in tendenziale crescita nel medio termine.In un quadro globale dove il driver di mercato è la guerra valutaria giocata dalle principali Banche Centrali, con la guidance della FED sul QE che fa da attore principale, i risparmiatori che investono in euro devono pertanto attendersi un periodo di sostanziale tranquillità spiegano gli analisti di Rbs bank, nel quale i tassi di mercato difficilmente si allontaneranno dai minimi registrati in questa fase.

>Le ragioni della discesa dello Spread Btp – Bund a quota 189

In tale quadro, vale ancor di più l’imperativo di concentrare l’attenzione su duration piuttosto basse, per restare il più possibile lontano dai rischi sul fronte tassi, in attesa che si presentino le giuste condizioni per poter puntare su qualche tema specifico, dal momento che oggi il variabile, passando anche per le inflation linked, si caratterizza per una appetibilità piuttosto limitata. Naturalmente il consigio è sempre quello di rivolgersi al proprio consulente di fiducia.

Investire in Btp, potrebbe essere il momento giusto

In tale ambito, nel ventaglio di proposte targate RBS Plc si distinguono la Royal Scala Crescente (Isin NL0009537851) e la Royal 5% Step Down (Isin NL0009560010). I bond si caratterizzano, anche seguendo il loro nome commerciale, rispettivamente per una struttura di tipo step up e di tipo step down, ovvero con cedole crescenti la prima e con cedole decrescenti la seconda.

 

Lascia un commento