Pagamenti: un “aiuto” alle imprese

Home > Impresa > Normativa Fiscale > Pagamenti: un “aiuto” alle imprese

Un nuovo decreto ufficiale è stato pubblicato in Gazzetta ed interessa tutte le aziende italiane perché legifera sui ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali. Il decreto non fa altro che recepire una direttiva comunitaria del 2011.

Cosa succederà dunque a partire dal primo gennaio 2013? Tutti i nuovi contratti tra le aziende e tra le aziende e le PA dovranno rispettare i nuovi termini di pagamento per evitare more, risarcimenti o nullità delle clausole. 

Il pagamento di merci e servizi dovrà essere effettuato entro 30 giorni se non sono stati previsti altri termini, oppure entro 60 giorni se esiste un termine definito nel contratto. Se del contratto fanno parte beni e servizi forniti da un’impresa pubblica o partecipata da Stato, Regioni, province ed altri enti locali, o se fanno parte del contratto enti che forniscono assistenza sanitaria, il termine di pagamento è automaticamente di 60 giorni.

Nel caso di ritardo di pagamento, sono previsti degli interessi sulla somma da versare, calcolati giornalmente, equivalente all’8 per cento della somma da versare, ma le imprese possono anche concordare un diverso tasso d’interesse.

In più, chi fa credito ottiene anche 40 euro come risarcimento forfettario del danno e un rimborso dei costi eventualmente sostenuti per il recupero crediti. Regole specifiche sono state definite per le Pubbliche Amministrazioni. Il riferimento normativo è il decreto legislativo 192/2012.

Lascia un commento