Home Investimenti Mercato Immobiliare Proprietari di uffici non vogliono start up affittuarie

Proprietari di uffici non vogliono start up affittuarie

Il tessuto immobiliare domestico sta cambiando così come sta subendo delle modifiche radicali anche il tessuto industriale mondiale. E l’Italia non è da meno. Ecco cosa succede sul versante “uffici” dove le startup non sono considerate affidabili. 

L’Italia non è esclusa dal cambiamento che interessa il tessuto industriale dove le startup stanno diventando preponderanti quali strumento di avvio dell’attività imprenditoriale che si sviluppa in modo preponderante su internet.

Le tasse sono troppe? Immobili in degrado in aumento

Il termine startup, ovvero un’azienda che si affaccia al mondo del lavor attraverso internet, non è sinonimo di affidabilità. È vero che alcune startup nel tempo sono diventate vere e proprie potenze economiche ma il loro sviluppo non è lineare e infatti basta vedere quello che accade quando il neo imprenditore va alla ricerca di un ufficio.

Negli USA si osserva questa tendenza. La California è la patria delle startup, è da considerarsi una vera Silicon Valley 2.0 grazie anche alla città di San Francisco. In quel territorio è stata fatta un’analisi del settore immobiliare e si è evidenziato che i proprietari delle unità commerciali ad uso ufficio sono sempre meno propensi a cedere i propri spazi ad aziende di questo tipo.

La richiesta di uffici generata dalle startup è talmente elevata che i prezzi degli affitti sono aumentati in modo vertiginoso mentre il numero degli spazi sfitti si è abbassato. Eppure le startup è esposta a diversi rischi, per esempio di gestione. Ovvero, molti ritengono che le nuove aziende digitali facciano il passo più lungo della gamba affittando uffici di cui poi non hanno un effettivo bisogno.

In primis i proprietari, così come ogni buon imprenditore, hanno necessità di diversificare i rischi e per questo motivo occupare una percentuale troppo elevata dei propri spazi con start up li esporrebbe ad un pericolo.

A livello contrattuale, la formula più diffusa per gli affitti commerciali negli USA ha una durata di 5 anni; un tempo fin troppo lungo per un’azienda che sta nascendo e che potrebbe ingrandirsi rapidamente fino ad avere bisogno in pochi mesi di spazi maggiori.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui