Avv. Borrelli: fondamentale rivolgersi ad un legale prima di costituire una startup

L’avvocato esperto e specializzato in startup è una figura fondamentale sia all’inizio sia dopo che la startup ha già preso forma.

Il legale deve fare un’attenta valutazione dei rischi possibili in merito alla situazione, valutare – insieme a chi fonda la società – quali rapporti intrattenere con gli investitori e stabilire quale sia l’occasione migliore per stilare un accordo con loro.

La startup è a tutti gli effetti un’impresa. Per conferirle un’esistenza giuridica deve essere seguita la procedura prevista dal nostro ordinamento per aprire una qualsiasi impresa a partire dalla scelta della forma giuridica.

“La consulenza – spiega l’avvocato Paolo Borrelli, fondatore dello Studio Legale Borrelli – va adattata in base alle esigenze specifiche di ciascuna realtà. Bisogna fornire un’architettura legale ad hoc, ogni realtà è a sé e bisogna aiutarla a costruire il miglior modello societario”.

L’avvocato Borrelli sottolinea che “bisogna rivolgersi a uno studio legale prima ancora di costituire la startup”.

“Il team con un’idea – ha aggiunto – può trovare nel legale un valido aiuto per capire la fattibilità del progetto rispetto all’ordinamento; può identificare la forma societaria più adatta e sopratutto se ci sono già degli investitori, occuparsi della negoziazione con gli stessi”.

Lo Studio legale Borrelli si avvale di un team multidisciplinare di professionisti in grado di affrontare con efficacia situazioni estremamente complesse e risolvere problemi che richiedono un approccio innovativo. Assiste imprese industriali e commerciali, nella strutturazione e nell’attivazione di ogni operazione societaria a carattere straordinario. Si occupa anche di operazioni straordinarie, acquisizioni e startup.

“Consulenza legale e startup – aggiunge Borrelli – sono concetti che costituiscono un binomio che oggi rappresenta un fattore chiave in modo da creare i presupposti per il lancio di un’impresa caratterizzata da innovazione, che per sua natura, si distingue da imprese già affermate”.

Anche per le startup online occorre tuttavia seguire un iter preciso e rispettare determinate norme di legge. Ecco perché anche in questo caso è bene poter contare su un’assistenza legale consolidata.

Giovani e Startup, come investire per crescere

Il principale programma di sostegno alle startup italiane è Smart&Start. Si tratta di un’iniziativa del Ministero dello Sviluppo Economico gestita da Invitalia.

Un nuovo modello di Costituzione per le start-up innovative

C’è un nuovo modello di costituzione delle start-up innovative. Esso è contemplato nell’art. 4 comma 10 bis del decreto legge 24 gennaio 2015 n. 3 convertito in legge n. 33 del 2015.

Proprietari di uffici non vogliono start up affittuarie

Il tessuto immobiliare domestico sta cambiando così come sta subendo delle modifiche radicali anche il tessuto industriale mondiale. E l’Italia non è da meno. Ecco cosa succede sul versante “uffici” dove le startup non sono considerate affidabili. 

2500 € subito per la startup, i fondi della Camera di Commercio

La Camera di Commercio di Roma mette a disposizione dei neoimprenditori un fondo i 400.000 da sfruttare entro il 31 dicembre 2015. Vediamo insieme di che fondi si tratta e come potervi accedere nel più breve tempo possibile.

Raddoppiano le startup (e gli investimenti)

Le startup innovative sono molto di più in confronto allo scorso anno. Negli ultimi dodici mesi, infatti, le nuove agenzie innovative presenti sul mercato sono più che raddoppiate.

Imprese Start-Up, nessuna in grado di generare profitto e occupazione

 Con troppe start up nane, vale a dire finanziate con capitali tra i 20 e i 100 mila euro, il complesso delle imprese ad alto valore tecnologico corre il rischio di non partire, ma di diventare una copia del tradizionale tessuto imprenditoriale italiano.