Quali sono i prestiti per protestati e cattivi pagatori?

Ecco quali sono le tipologie di prestito che possono richiedere protestati e cattivi pagatori.

16 Novembre 2013 11:440 commentiVisualizzazioni: 79

 I clienti che hanno ricevuto protesti o segnalazioni per episodi di insolvenza in merito a crediti richiesti e non rimborsati, hanno sicuramente più difficoltà ad ottenere un prestito o un mutuo rispetto ad altre tipologie di consumatori. Stiamo parlando dei cosiddetti protestati o cattivi pagatori, cui le banche e gli istituti di credito sono soliti non accordare la concessione di nuovo credito. 

> Come si diventa protestati o cattivi pagatori?

Esistono però delle tipologie di prestiti che sono richiedibili anche dai protestati e dai cattivi pagatori. In genere la concessione di questi finanziamenti è però soggetta alla presentazione di garanzie aggiuntive e può variare sulla base dell’esistenza o meno di un contratto di lavoro o della busta paga. Ecco quali sono.

Quali garanzie occorre presentare per i prestiti di consolidamento debiti?

I prestiti per protestati e cattivi pagatori

I protestati e i cattivi pagatori che dispongono di un contratto a tempo indeterminato e di una busta paga, o si trovano in pensione possono ad esempio richiedere una cessione del quinto dello stipendio o della pensione, che viene in genere erogata senza la richiesta di garanzie aggiuntive.

Protestati e cattivi pagatori che non dispongono di una busta paga, invece, devono obbligatoriamente presentare alle banche garanzie aggiuntive. I finanziamenti a cui possono accedere sono quindi:

  • i prestiti cambializzati – basati sulla firma di cambiali
  • i prestiti con garanzie – basati sulla sottoscrizione di fideiussioni, ipoteche o anticipi sul TFR
  • i prestiti fiduciari – basati sulla presentazione di un reddito da lavoro
  • i prestiti su pegno – basati sulla presentazione di oggetti di valore, come ori, gioielli, orologi.

 

Abbiamo parlato di: , , ,