Home News Mondo Quanto valgono i dati personali per il marketing?

Quanto valgono i dati personali per il marketing?

Nel mondo di oggi i dati personali sono denaro. Merce di scambio. Di uno scambio che sempre più spesso è, però, stretto appannaggio non dei diretti interessati, cioè i titolari stessi dei dati personali, ma dei grandi colossi del web, che si pongono come interlocutori e intermediari privilegiati per i produttori di beni.

Metà dell’ advertising mobile mondiale è nelle mani di Google

Ma quanto valgono, in realtà, i nostri dati? Il noto quotidiano economico inglese Financial Times ha provato a rispondere a questa domanda, cercando di calcolare il valore di un singolo profilo utente.

Esistono infatti dei soggetti, i cosiddetti data broker, per lo più organizzati in grandi società, il cui scopo è quello di organizzare in un insieme coerente i dati che corrispondono alle preferenze, scelte, bisogni e necessità di un singolo individuo, per poi rivendere l’ intero pacchetto a chi i produce i beni. Si tratta di un business potenzialmente sconfinato e ancora poco regolamentato, che il rapporto 2011 del World Economic Forum ha definito come “il nuovo petrolio”.

>Le Google elusioni e il capitalismo responsabile

Ma il business delle informazioni personali è oggi solo al suo inizio, e le compravendite dei database dei clienti non rappresentato che una piccola fetta dell’ intera torta in gioco.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui