Home Impresa Rai, a caccia di soldi nei pubblici esercizi e nelle sale d’aspetto

Rai, a caccia di soldi nei pubblici esercizi e nelle sale d’aspetto

Nel 2012 la Rai chiedeva il pagamento del canone a chi possedeva Pc e tablet, ora a partite Iva e pubblici esercizi. È  «la richiesta per il rispetto di una legge». In realtà la norma del «canone speciale» (407,35 euro) non è una vera e propria novità, e prevede che a pagarla siano i «pubblici esercizi». 

 

Va detto però che non tutto è pubblico esercizio  e per questo motivo, forse, «il pasticcio comunicativo» – usando le parole del sottosegretario Leginini – «poteva essere evitato».

Il “canone speciale Rai”, in che cosa consiste e chi colpisce

Ci si chiede però cosa c’entra  l’esercito delle partite Iva con migliaia di bar, locali all’aperto, ristoranti o hotel. In realtà c’entrano poiché anche molti liberi professionisti che esercitano attività pubblica hanno la possibilità di intrattenere nelle loro sale d’attesa, nei loro centri o studi privati, i loro clienti con la Tv e i programmi Rai. La legge, spiega una nota dell’azienda, stabilisce che «devono pagare il canone speciale coloro che detengono uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio televisive in esercizi pubblici, in locali aperti al pubblico o comunque fuori dell’ambito familiare, o che li impiegano a scopo di lucro diretto o indiretto».

Canone speciale RAI – Quando si deve pagare

Naturalmente nulla è dovuto per le centinaia di migliaia di possessori di Pc, tablet personali, se non sono dotati di una WilTv collegata ad una antenna digitale o satellitare per la diffusione (non personale) del servizio. Per loro, in sostanza, non c’è nessuna tassa al di là della loro attività. Ma la polemica, naturalmente, non si placa.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui