Rc Auto, le frodi alzano i premi che in Italia sono tra i più cari

Il problema delle frodi assicurative spinge le compagnie ad alzare i prezzi dei premi

22 Gennaio 2014 11:560 commentiVisualizzazioni: 8

 In un rapporto della Boston Consulting Group emerge che tra il 2008 e il 2012, gli italiani hanno pagato in media 491 euro per una polizza Rc auto rispetto alla media di 278 applicata in Francia, Gran Bretagna, Germania e Spagna.

In calo le tariffe delle assicurazioni auto nel corso del 2013

Quindi  per 213 euro in più, a causa di tre componenti. «Il costo dei sinistri, più alto in Italia rispetto agli altri Paesi, pesa per 126 euro, il livello di tassazione per altri 52, i restanti 35 dipendono dai costi di gestione», ha spiegato il presidente della commissione Auto, Alessandro Santoliquido. Una soluzione potrebbe essere di intervenenire proprio sull’entità dei risarcimenti danni, sulla rischiosità della circolazione stradale e rafforzando il contrasto alle frodi si diminuirebbe di circa i due terzi il gap tra i prezzi italiani e la media degli altri Paesi. Per questo, ha chiarito Aldo Minucci, il presidente dell’Ania, la prima critica al decreto Destinazione Italia del governo si basa su un aspetto preciso: «E’ sconfortante constatare che, anche stavolta, nonostante sia attesa da sette anni, non ci sia traccia della tabella unica del risarcimento diretto».

Scadenza e tacito rinnovo nelle assicurazioni diverse da quelle RC auto

«In Italia abbiamo il costo delle polizze più elevato d’Europa, è indiscutibile ed è una situazione insopportabile per il consumatore», ha detto chiaramente il presidente dell’Autorità di Antitrust, Giovanni Pitruzzella, ospite in diretta a «L’Economia Prima di Tutto» su Radio1 Rai, auspicando una corretta applicazione delle norme del decreto «Destinazione Italia» attualmente in conversione in Parlamento.

 

 

 

 

Abbiamo parlato di: , ,