Una gatta da pelare per i nuovi Sindaci: le tasse locali troppo alte

Le imposte locali vanno su vertiginosamente nelle città che sono in periodo elettorale. Durante l’ultimo lustro, questa tipologia di tasse ha fatto registrare un notevole incremento che si è attestato al +300%.

I sindacati appoggiano le riforme del governo renzi

 Qualche giorno fa, parlando delle riforme sulle tasse e sul lavoro, il premier Matteo renzi aveva affermato di tenere in considerazione il parere dei sindacati, ma di andare dritto al di là della loro approvazione. Ieri Renzi ha presentato le sue riforme e dai sindacati sono arrivate delle buone valutazioni.

Il segretario della Cgil Camusso ha commentato i provvedimenti economici proposti dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi mostrando apertura e condivisione. La Camusso ha affermato: “Credo che sia molto posotiva la scelta di intervenire subito sulla riduzione della tassazione del lavoro dipendente. Vedo che il Presidente ci ha scoltato. Vediamo positiva la costruzione di un rapporto tra diminuzione dell’Irap alle imprese e le rendite finanziarie. C’è una scelta di favorire le imprese e gli investimenti attivi rispetto alle rendite”.

 

La Camusso chiede nuovi ammortizzatori sociali

 

Anche la Uil con Angeletti mostra approvazione: “Ottimo, finalmente, dopo quattro anni di scioperi e manifestazioni siamo riusciti a far si che i lavoratori abbiano una consistente riduzione delle tasse. Sicuramente è una svolta. Ora vedremo i dettagli e, ovviamente, ci auguriamo che non siano stati dimenticati i pensionati”.

Il segretario della Cisl Bonanni e sulle stesse posizioni e ha affermato: “Particolarmente positivo è per noi l’innalzamento dal 20% al 26% delle tasse sulle rendite finanziarie”.

Chi si aspettava una polemica è stato zittito, ma su questi provvedimenti mentre su altri è probabile che non ci sia lo stesso accordo. Renzi prende quindi il favore dei sindacati in attesa di avere quello degli italiani per l’aumento degli stipendi. Il progetto di riformare molti aspetti dell’Italia è solo all’inizio e il Presidente sembra avere molta energia e voglia.

Sindacati chiedono al Ministro del Lavoro un incontro per discutere di ammortizzatori sociali

 Urge un meeting, tra sindacati e Governo, per il futuro dei lavoratori e dell’Italia. Così, con queste premesse, Cgil, Cisl e Uil hanno scritto al Ministro del Lavoro Poletti al fine chiedere lui un incontro, che possa avvenire con in tempi brevissimi in maniera tale da avviare una discussione sul tema del finanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga.

Uno studio della Uil mostra i costi della politica che sono di circa 757 euro per contribuente

 È possibile risparmiare sui costi della politica è riservare maggiori risorse ai lavoratori e ai pensionati. Con questa motivazione la Uil ha fatto uno studio dettagliato sui costi della politica per fare capire al governo se per tagliare il cuneo fiscale si possono anche utilizzare i fondi derivanti da una razionalizzazione dei costi della politica.
Il segretario della Uil Luigi Angeletti aveva affermato che avrebbe fatto questo studio dettagliato al Presidente del Consiglio Enrico Letta e ora ci sono i dati che sono stati presentati in una conferenza stampa e che si possono trovare anche sul sito della Uil.
Il report dello studio della Uil mostra come gli organi istituzionali, le società pubbliche, le consulenze, le auto blu e tutto ciò che riguarda la voce costi della politica pesa per 23,2 miliardi l’anno. Questa è l’1,5% del Pil. Le persone che lavorano nelle attività legate alla politica sono 1 milione e 100 mila e corrispondono al 5% dei lavoratori italiani. Considerando quanto costa la politica in proprorzione agli abitanti italiani si ha un rapporto di 386 euro per persona. Se si considera solo chi paga l’Irpef, e non anche i bambini e i neonati, il costo è di 757 euro a persona.
Per Angeletti, si potrebbero ridurre i costi della politica di circa un terzo che sarebbero 7 miliardi risparmiati che per la Uil dovrebbero essere utilizzati per abbassare le tasse sul lavoro.
Gli organi istituzionali delle amministrazioni centrali e decentrate costano 6,1 miliardi. Nel 2013 c’è  un risparmio dl 4,6% rispetto al 2012, ma ci sono situazioni diverse. Come quelle delle regioni che costano di più. Le consulenze costano 2,2 miliardi; gli organi degli enti e dlle società partecipate costano 2,6 miliardi; le altre spese, come il personale nominato dalla politica, le auto blu o i direttori delle Asl, costano 5,2 miliardi.
I 7,1 miliardi che rimangono sono quelli che secondo Angeletti potrebbero essere tagliati. Un terzo circa di 23,2 miliardi. Queste spese riguardano costi generali di funzionamento per 3,2 miliardi. L’accorpamento dei comuni con meno di 15 mila abitanti, il taglio delle provincie e la riduzione delle spese delle regioni potrebbe far risparmiare su queste spese.

Sindacati in piazza contro la Legge di Stabilità

 I sindacati bocciano la Legge di Stabilità che sarà approvata nei prossi giorni dalla Camera e scendono in piazza. Mobilitazione di Cgil, Cisl e Uil a Roma, vicino al Parlamento, e in diverse città italiane. L’obiettivo e influenzare il governo e cambiare alcune parti della Legge di Stabilità.
Susanna Camusso, segretario della Cgil, ha affermato: “Questa manovra non va bene perché non affronta il tema fondamentale e non determina quello choc dell’economia che invece sarebbe necessario”. La Camusso ha parlato del fatto che la cosa fondamentale sono i redditi dei lavoratori e dei pensionati e che la recessione si deve proprio all’intervento su queste fasce della società. La critica alla Legge di Stabilità della Camusso si basa sul fatto che questa è in continuità con il passato, mentre sono necessari detrazioni fiscali per lavoratori dipendenti e pensionati al fine di aumentare il reddito. La Camusso ha detto: “Abbiamo chiesto una misura che riguardi l’oggi e anche una norma strutturale automatica per gli anni prossimi, attraverso risorse che vengono dalla lotta all’evasione, dalla tassazione alle transazioni finanziarie e anche dal rientro dei capitali dall’estero”.
La Uil con il suo segretario Luigi Angeletti conferma le critiche alla Legge di Stabilità e al fatto che la stessa non sostiene la crescita e l’occupazione, che sono due tra i principali problemi economici dell’Italia. Quello che serve è invece una legge per far iniziare la ripresa.
Il segretario della Cisl Raffaele Bonanni ha invece affermato: “Finché non vedremo un provvedimento che mette in relazione l’azione contro l’evasione fiscale con l’abbassamento delle tasse attraverso i proventi che derivano alla lotta all’evasione e finché non vedremo un’azione ferma sulle spese inutili e inefficienti della P.A. non daremo un giudizio positivo”.
I sindacati confederali con i loro segretari sono al presidio davanti a Montecitorio. Anche in altre città ci sono presidi dei sindacati che vogliono soprattutto più difesa del lavoro, che venga riaperta la contrattazione nei settori pubblici, il finanziamento della cig e dei contratti di solidarietà e la rivalutazione delle pensioni.

I marchi dell’eccellenza italiana svenduti all’estero per Uil Pa – Eurispes

 Negli ultimi anni abbiamo visto molte aziende italiane, spesso di eccellenza, diventare straniere. Aziende nate in Italia e comprate da gruppi estere.
Uil Pubblica Amministazione e Eurispes hanno pubblicato uno studio proprio sulla vendita delle aziende del made in Italy che rappresentano la crisi del nostro Paese. Aziende che offrono l’immagine migliore dell’Italia nel mondo grazie alla competenza artigianale e alla capacità che affonda le sue radici nella storia. Aziende che hanno vissuto un periodo di crisi e che sono state vendute a gruppi stranieri che spesso hanno saputo rivalorizzare il marchio e rilanciarlo sul mercato.
I dati riguardano gli ultimi 20 anni e riguardano 130 marchi.
I marchi sono suddivisi per le quattro macro aree alimentare e bevande, che contiene 43 aziende; abbigliamento e moda, con 26 aziende; automazione e meccanica, con 16 aziende; e arredo e casa, con 9 aziende. Inoltre, c’è la categoria altro con 36 aziende dei settori telecomunicazioni, chimica, edilizia, energia e gas ecc.
Negli ultimi anni, le aziende italiane che sono state intaccate dalla crisi economica sono molte. E spesso si parla di aziende della migliore tradizione imprenditoriale d’Italia. Il Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara ha affermato che non è solo la crisi economica ad avere influito, ma anche “l’iperburocratizzazione della macchina amministrativa, una tassazione iniqua, la mancanza di aiuti e di tutele e l’impossibilità di accesso al credito bancario. L’intreccio di tali fattori ha inciso sulla mortalità delle imprese creando una sorta di mercato “malato” all’interno del quale la chiusura di realtà imprenditoriali importanti per tipologia di produzione e per know-how si è accompagnata spesso a una svendita (pre o post chiusura) necessaria di fronte all’impossibilita’ di proseguire l’attività.
Molte di queste aziende sono quindi passate a gruppi esteri spesso non al costo adeguato.
Il Segretario Generale Uil Pa Benedetto Attili ha detto che “La svendita della nostra rete produttiva quindi ci impoverisce sia dal lato economico, poiché siamo costretti giocoforza a vendere a un prezzo inferiore rispetto a quello reale sia per la perdita di asset immateriali, a volte di difficile quantificazione economica, perché vengono meno la tradizione, l’esperienza e la storia insita in ciascuna delle aziende di cui ci priviamo.
Tra le più importanti aziende italiane vendute all’estero ci sono le seguenti.
Settore alimentare. Sperlari, Martini & Rossi, Cinzano, Vecchia Romagna, Caffarel, Stock, Birra Peroni, Star, Eridania, Norcineria Fiorucci, Ruffino e Gruppo Gancia.
Settore automazione e meccanica. Zanussi, Pirelli Optical Technologies, Saeco, Atala, Ducati Motor Holding, Lamborghini.
Settore moda e abbigliamento. Fiorucci, Mila Schon, Conbipel, Sergio Tacchini, Fila, Coccinelle, Ferreè, Miss Sixty-Energie, Lumberjack e Valentino.

I termini dell’accordo tra sindacati e Confindustria

 Dopo anni di liti, discussioni e intese separate, ecco arrivare finalmente, salutata con soddisfazione anche dallo stesso premier Enrico Letta, la stipula di una intesa tra Confindustria e le principali sigle sindacali – Cgil, Cisl e Uil – che d’ ora in avanti dovranno attenersi a regole condivise per la rappresentanza sindacale e l’ applicazione delle norme dei contratti firmati.

>Susanna Camusso cerca l’accordo con Confindustria

D’ ora in avanti, dunque, in sede di trattative, si dovrà tenere conto delle deleghe sindacali che il datore di lavoro, su richiesta del lavoratore stesso, comunica di volta in volta all’ INPS, per una loro ufficiale certificazione.