Home News Terza dose del vaccino verso l’ufficialità agli over 40 negli Stati Uniti

Terza dose del vaccino verso l’ufficialità agli over 40 negli Stati Uniti

Dovremmo essere più vicini alla terza dose del vaccino negli Stati Uniti per gli over 40. Il governo degli Stati Uniti probabilmente raccomanderà presto dosi di richiamo a persone di appena 40 anni che hanno ricevuto il vaccino Covid-19 di Moderna o Pfizer, secondo una fonte a conoscenza del piano. “Credo che accadrà”, ha detto la fonte.

terza dose

Cosa aspettarsi sulla terza dose del vaccino verso agli over 40

Il mese scorso, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha autorizzato i richiami per le persone di età pari o superiore a 65 anni che hanno ricevuto la seconda iniezione del vaccino Pfizer almeno sei mesi fa.

Per i più giovani, il richiamo è autorizzato solo per determinati gruppi, come quelli con determinate condizioni di salute o coloro che svolgono lavori che li mettono ad alto rischio di contrarre il Covid-19.

La scorsa settimana, un gruppo di consulenti della FDA ha raccomandato che i richiami di Moderna siano somministrati con le stesse regole. Tuttavia, i booster per Moderna devono ancora essere autorizzati dalla FDA.

La fonte ha affermato che c’è “crescente preoccupazione all’interno della FDA” che i dati statunitensi stiano iniziando a mostrare ricoveri tra le persone di età inferiore ai 65 anni che sono state completamente vaccinate.

Qualche altro retroscena. Se la FDA sostiene l’abbassamento dell’età per i booster, il piano andrebbe quindi ai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie per la sua approvazione. I consulenti vaccinali di quell’agenzia si incontreranno giovedì per discutere i colpi di richiamo di Covid-19.

Israele, dove quasi tutte le vaccinazioni sono state effettuate con Pfizer, ha iniziato a offrire richiami ad agosto a tutti più di sei mesi dopo la seconda vaccinazione, indipendentemente dall’età.

I ricercatori israeliani hanno detto ai consulenti della FDA la scorsa settimana che i booster hanno ridotto il tasso di malattie gravi nelle persone di età superiore ai 40 anni.

In quell’incontro, un alto funzionario della FDA ha affermato che i dati israeliani “sembrano convincenti”.

Il dottor Peter Marks, direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della FDA, ha affermato che i nuovi dati emergenti negli Stati Uniti “ci fanno capire che siamo preoccupati che ciò che è stato visto in Israele possa essere visto qui”.

“Non vogliamo avere un’ondata di grave Covid-19 prima di distribuire i booster”, ha aggiunto.

Diversi membri del comitato consultivo hanno espresso sostegno per l’abbassamento della raccomandazione sull’età.

“In generale, non ero un fan di ridurre il limite a un’età inferiore, perché penso che questa grave malattia non sia terribilmente eccezionale in quella popolazione, ma ascoltando tutti questi argomenti lo sosterrei di più ora”, ha affermato il dott. Stanley Perlman, professore di pediatria all’Università dell’Iowa.

I consulenti hanno espresso preoccupazione per la somministrazione di richiami ai giovani, dal momento che il vaccino di Pfizer e Moderna è stato associato a miocardite, o infiammazione del muscolo cardiaco, negli adolescenti maschi e nei giovani adulti. Dunque, presto una svolta per la terza dose del vaccino.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui