Home Finanza Personale Effetto 80 Euro, ancora nessun risultato nella ripresa dei consumi

Effetto 80 Euro, ancora nessun risultato nella ripresa dei consumi

I consumi continuano a fare registrare discese. Nel mese di maggio l’indicatore di Confcommercio (Icc) ha segnalato un calo dello 0,7% su base tendenziale e dello 0,3% su base congiunturale. Un dato che, «unito al contenuto regresso della media mobile a tre mesi corretta dai fattori stagionali», considera l’ufficio studi della confederazione, «evidenzia come le misure di alleggerimento del carico fiscale attuate fino ad oggi appaiano insufficienti a ridare slancio alla domanda delle famiglie che stenta ancora ad avviarsi su un reale sentiero di crescita».

L’unica speranza al momento è che il bonus fiscale riesca a fare effetto in futuro: «Ci auguriamo che il bonus di 80 euro sia in grado di far ripartire i consumi», dice Carlo Sangalli il presidente di Confcommercio. Ma i dati pongono in evidenza «che le famiglie interpretano la ripresa ancora debole, fragile e quindi sono incerte nello spendere e nell’alimentare i consumi. Ecco perché ci auguriamo che il bonus possa dare quanto meno una prima scossa».

Pensioni, quali cambiamenti porterebbe la nuova riforma di Renzi

Nel dettaglio, la dinamica tendenziale dell’Icc di maggio rispecchia una leggera crescita dello 0,7% della domanda attinente ai servizi e un calo importante dell’1,3% della spesa per i beni. Variazioni positive, paragonate allo stesso mese dello scorso anno, si evidenziano per la spesa reale in beni e servizi per le comunicazioni (+7,6%) da attribuirsi in maggior parte all’acquisto di beni, per i beni e servizi per ricreativi (+0,6%) e per gli alberghi, pasti e consumazioni fuori casa (+0,1%). Un calo particolarmente significante ha riguardato i beni ed i servizi per la mobilità.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui