Gli Stati Uniti saranno il primo produttore mondiale di petrolio entro il 2015

Home > Investimenti > Materie Prime > Gli Stati Uniti saranno il primo produttore mondiale di petrolio entro il 2015

Gli USA si apprestano a diventare, entro il 2015, i nuovi signori dell‘oro nero a livello mondiale. Entro quella data, infatti, gli Stati Uniti saranno il primo produttore di petrolio presente sul globo. La ragione di questo nuovo record deve essere individuata nella scoperta, negli States, dei nuovi giacimenti di materia prima. 

Cala il prezzo del petrolio a livello globale

Si tratta, infatti, dello shale oil, il petrolio da roccia, al centro in questi ultimi mesi di nuove scoperte negli Stati Uniti e di nuove tecniche di estrazione. A confermarlo è l’Aie, l’Agenzia internazionale per l’energia, che nel suo rapporto intitolato World Energy Outlook 2013 ha fornito i dati del fenomeno.

Calano i prezzi del petrolio e della benzina

Le scoperte di nuovi giacimenti di materia prima, quindi, anche se di idrocarburi non convenzionali, ridisegnano l’assetto mondiale delle risorse e, in un certo senso, allontanano anche la possibilità di una crisi energetica nel prossimo futuro. Le riserve, infatti, garantiranno ancora anni di produzione, anche se quest’ultima tenderà a rallentare intorno al 2035 e tenderà di conseguenza a salire il prezzo del petrolio al barile, che arriverà a toccare i 130 dollari. 

Nello stesso tempo, tuttavia, aumenterà anche la domanda di petrolio a livello mondiale. Il paese che più di tutti ne farà richiesta, sarà, come immaginabile, la Cina.

Al giorno d’oggi, è opportuno ricordarlo, gli Stati Uniti sono solo il terzo produttore mondiale di petrolio, ma entro il 2035 anche il Brasile, oggi sesto produttore di greggiotriplicherà la sua produzione di barili giornaliera, diventando uno dei principali colossi nel settore energia.

 

Lascia un commento