Investimento

Gli investimenti servono ad ottenere un maggior profitto futuro, se si parla di aziende, o una maggiore soddisfazione personale, nel caso di investimenti di privati cittadini.

27 novembre 2012 19:110 commentiVisualizzazioni: 16

In economia, un investimento è definito come l’incremento dei capitali (attraverso l’acquisizione di beni o con la creazione di risorse) attraverso l’utilizzo di un capitale iniziale. Nella maggior parte dei casi, soprattutto quando si parla di investimenti privati, il capitale preesistente è costituito dal risparmio, nel caso di aziende, società o pubbliche amministrazioni è frequente il ricorso a prestiti bancari.

Ad ogni investimento è legato un rischio, ossia la possibilità che nel tempo lo strumento prescelto per l’investimento perda il suo valore iniziale. La maggior parte delle variabili connesse al richio di un investimento non sono controllabili da chi investe (come fluttuazioni del mercato, mode improvvise etc). Maggiore è il rischio atteso di un investimento, maggiore sarà anche il premio di rischio, ossia il rendimento che ci si attende da quel particolare strumento finanziario.

Gli investitori, onde diminuire il più possibile il rischio legato agli investimenti, decidono di investire in più settori o titoli: è la strategia che viene comunemente definita come diversificazione del portafogli: un portafogli di investimento sarà maggiormente sicuro quanto maggiore è la diversificazione al suo interno e la correlazione tra i diversi settori scelti (opzioni, azioni, obbligazioni).

Abbiamo parlato di: , ,