Juncker Ue, si fa portavoce di serietà e crescita, non di austerità

Home > News > Mondo > Juncker Ue, si fa portavoce di serietà e crescita, non di austerità

Dice Jean-Claude Juncker «Tutti i Paesi europei devono rispettare il patto di Stabilità». «A priori, non vedo alcuna ragione per cui debba essere concessa alla Francia, o all’Italia, una dilazione supplementare per ritornare entro i limiti del deficit. Ripeto: a priori, non la vedo».

«Ma poi, tutto dipenderà dagli impegni sulla stabilità che i governi prenderanno, e da come la Commissione europea o l’Eurogruppo, il vertice dei ministri delle Finanze della zona euro, valuteranno questi stessi impegni. Io sono aperto al dibattito. Non rappresento l’austerità, come certi pensano, ma la serietà».

Economia tedesca rimane la più solida in Europa

Questa è sicuramente una grande novità, e non solo, una apertura importante. Berlino è lontana. E Juncker apre questo spiraglio. Juncker, già presidente dell’Eurogruppo, è il candidato al vertice della Commissione voluto dal più forte partito europeo, il Partito popolare. Per tanti anni Juncker è stato considerato politico vicinissimo alla Merkel, e difensore strenuo del rigore finanziario. Ma dice: «Oggi io credo che non si possa esagerare con il rigore eccessivo. Che da sola, l’austerità nei bilanci non basti. E che al risanamento finanziario debbano accompagnarsi le politiche della crescita».

In Germania il tasso di disoccupazione scende più del previsto

 

«Nel 2008 ci siamo trovati di fronte a una crisi tremenda, senza strumenti per lottare. Abbiamo reagito lo stesso per risanare i bilanci: coerentemente e rapidamente. Anzi, la metterei così: rapidamente, ma troppo a lungo. Abbiamo investito 70 miliardi in questa lotta, ma il risanamento da solo è poi durato troppo. L’austerità eccessiva, fine a se stessa, non è un bene. Perché ci sono due principi che vanno sicuramente insieme».

Lascia un commento