Home News Possibile mix tra AstraZeneca e Pfizer: anche l’economia europea si adegua

Possibile mix tra AstraZeneca e Pfizer: anche l’economia europea si adegua

Il fatto che in futuro possa essere possibile fare dapprima il vaccino AstraZeneca, poi quello Pfizer, inevitabilmente dovrebbe cambiare un po’ di equilibri dal punto di vista sanitario ed economico. Di fronte alla modifica dell’idoneità per il vaccino AstraZeneca, alle nuove varianti del coronavirus e ai vincoli di fornitura, molte persone si chiedono se possono “mescolare e abbinare” i vaccini COVID-19.

Cosa sappiamo sul mix tra AstraZeneca e Pfizer

Ciò significa, ad esempio, avere il vaccino AstraZeneca come prima dose, seguito da un vaccino diverso come Pfizer come seconda dose e in seguito richiami con altri vaccini. Mentre molti studi sono in corso, i dati sono stati recentemente rilasciati da prove miste e abbinate in Spagna e nel Regno Unito. Questi dati sono molto promettenti e suggeriscono che i programmi di combinazione e corrispondenza possono fornire livelli di anticorpi più elevati rispetto a due dosi di un singolo vaccino.

Sebbene l’autorità di regolamentazione dei farmaci australiana, la Therapeutic Goods Administration (TGA), non abbia ancora approvato un programma di vaccinazione misto e compatibile con COVID-19, alcuni paesi lo stanno già facendo. Se il lancio del vaccino COVID-19 può combinare e abbinare i vaccini, ciò aumenterà notevolmente la flessibilità.

Avere un programma di immunizzazione flessibile ci consente di essere agili di fronte ai limiti dell’offerta globale. Se manca un vaccino, invece di interrompere l’intero programma per attendere la fornitura, l’iter di somministrazione per il singolo potrà continuare con un vaccino diverso, indipendentemente da quale sia stato somministrato come prima dose.

Diversi paesi in Europa stanno ora consigliando ai giovani che in precedenza avevano ricevuto questo vaccino come prima dose di ricevere un vaccino alternativo come seconda dose , più comunemente vaccini mRNA come quello di Pfizer. Germania, Francia, Svezia, Norvegia e Danimarca sono tra coloro che consigliano programmi di vaccinazione misti in questo senso.

In uno studio mix and match del Regno Unito pubblicato su Lancet a maggio, 830 adulti sopra i 50 anni sono stati randomizzati a ricevere prima i vaccini Pfizer o AstraZeneca, poi l’altro vaccino. Ha riscontrato che le persone che hanno ricevuto dosi miste avevano maggiori probabilità di sviluppare sintomi da lievi a moderati dalla seconda dose del vaccino, inclusi brividi, affaticamento, febbre, mal di testa, dolori articolari, malessere, dolori muscolari e dolore al sito di iniezione, rispetto a quelli su il programma standard non misto.

Tuttavia, queste reazioni sono state di breve durata e non ci sono stati altri problemi di sicurezza. Resta il fatto che un approccio del genere su AstraZeneca e Pfizer, per forza di cose, andrebbe a mutare anche equilibri economici in termini di approvvigionamento dei singoli Paesi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui