Valutazione degli strumenti finanziari: le opzioni

Home > Strumenti > Gestione portafoglio > Valutazione degli strumenti finanziari: le opzioni

La sottoscrizione di un’opzione dà diritto a chi la detiene il diritto di vendere o acquistare in futuro un’attività finanziaria al prezzo stabilito al momento della sottoscrizione.

Le opzioni sono state tra gli ultimi strumenti finanziari ad avere una trattazione matematica del loro valore e del calcolo di questo. Fino alla creazione del modello di Black-Sholes all’inizio degli anni Settanta, infatti, le opzioni erano legate esclusivamente all’intuizione: chi riusciva ad avere la previsione giusta sul prezzo che gli altri operatori avrebbero attribuito ad una delle attività, avrebbe guadagnato.

Con la creazione di questo modello e con la sua successiva generalizzazione, per le opzioni si è avuto un metodo condiviso per la determinazione del loro prezzo, che si è rivelato un grande contributo per la crescita di questo mercato e delle sue trattazioni teoriche. In proposito alla trattazione teorica del prezzo, gli analisti hanno prodotto un modello algebrico più semplice di quello Black-Sholes

Si tratta del modello binomiale, che si basa sul principio che per ogni opzione sia possibile costruire un portafogli equivalente. In questo portafogli all’azione sottostante presente se ne aggiunge un’altra priva di rischio, con identici flussi di cassa. Dal momento che i prezzi, in questo modello, seguono una distribuzione binomiale (tra due estremi) è possibile calcolarne il prezzo ad un determinato momento di tempo.

 

 

 

 

 

Lascia un commento