Il deficit commerciale del Giappone ha superato le stime degli analisti nel mese di febbraio. Il deficit riportato dal ministero delle finanze di Tokyo è di 7,9 miliardi di dollari. Le importazioni sono cresciute del 9%  rispetto all’anno precedente e le esportazioni del 9,8%.

Il deficit commerciale è sostenuto dai guadagni limitati delle esportazioni dopo il declino dello yen e rende più difficile per il primo ministro Shinzo Abe guidare la nazione attraverso la turbolenza economica probabile che dopo l’ aumento delle tasse. Il prodotto interno lordo si contrarrà nel prossimo trimestre e la Banca del Giappone potrebbe essere costretta ad aggiungere stimoli quest’anno.

 

La Borsa del Giappone chiude al rialzo

 

In Giappone, le importazioni hanno superato le esportazioni per 20 mesi consecutivi. Il rapporto tra lo yen e il dollaro negli ultimi due anni ha fatto salire i costi di importazione di energia, mentre le esportazioni hanno registrato guadagni limitati. Le importazioni probabilmente raggiungeranno il picco in questo periodo a causa della domanda in vista dell’aumento delle tasse sulle vendite e le esportazioni rimangono più deboli del previsto.

Lo yen è salito dello 0,1% a 101,37 per dollaro, mentre l’indice azionario Topix è sceso dello 0,4%.

Koichi Hamada, un assistente del Primo Ministro Shinzo Abe, ha affermato in una intervista che la banca centrale dovrebbe essere pronta a far decollare lo stimolo se l’ aumento delle imposte a 3 punti percentuali danneggierà gravemente l’economia.

Il deficit commerciale si è allargato a un record in gennaio, amplificato dagli effetti del rallentamento dell’attività economica negli Stati Uniti e in Asia a causa del freddo. Segni di progresso nella campagna di Abe per alimentare la ripresa comprendono l’inflazione all’1,3% in gennaio, che corrisponde al livello più alto in più di cinque anni, e gli aumenti di prezzi dei terreni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui