Home News La guerra ed i fondi pensione: cosa accade ai mercati finanziari e...

La guerra ed i fondi pensione: cosa accade ai mercati finanziari e ai fondi pensione  

Il conflitto e l’invasione dell’Ucraina ha scosso e sorpreso i mercati finanziari e gli operatori del settore. C’è stato un aumento dei prezzi delle materie prime e si sono registrati i primi effetti negativi sui mercati finanziari, in particolare sulle borse europee.

Sia per vicinanza geografica, che per le sanzioni, la dipendenza energetica e l’aumento dei prezzi del gas i mercati azionari europei sono quelli che hanno subito l’impatto più rilevante.

La situazione geopolitica ha creato una situazione complessa per le banche centrali, in particolare per la BCE che si trova a scegliere tra controllare l’inflazione e frenare la crescita.

Questa situazione ha destato qualche preoccupazione circa il futuro dei fondi pensione. Tuttavia ci sono alcune considerazioni importanti da fare circa l’impatto della crisi geopolitica sui fondi pensione.

Innanzitutto l’analisi storica dei mercati ci rassicura circa l’impatto negativo sulle borse mondiali. Di fatti, le ultime due crisi importanti, quella del 2001 e quella del 2008, hanno prodotto effetti negativi che sono già stati abbondantemente recuperati. Nello specifico la crisi del 2008 non produceva effetti negativi già nel corso del 2009 e l’impatto negativo è stato recuperato nel corso dell’anno.

E’ utile comprendere quale impatto avrà l’attuale crisi a livello dei fondi pensione, ma è ancora più importante ricordare alcuni fattori che riguardano la previdenza complementare e che servono a rasserenare gli iscritti dei fondi pensione Eurofer.

Tempo di permanenza nel fondo pensione Eurofer

I valori delle singole posizioni e dei comparti di Eurofer riguardano il valore delle azioni e delle obbligazioni. I valori quota e le posizioni individuali sono quindi soggetti a fluttuazioni del mercato, come quelle in atto in questo periodo.

Tuttavia i fondi pensione vanno valutati in una prospettiva molto più ampia. Il tempo di permanenza nel fondo pensione Eurofer è un fattore importantissimo per valutare i risultati. I fondi pensione hanno come base di considerazione lassi di tempo medio lunghi.

Ciò che accade a breve termine non ha un impatto significativo sul valore delle quote e sulle singole posizioni.

Le garanzie dei fondi pensione

I fondi pensione hanno forti elementi di garanzia. La gestione delle quote è affidata a soggetti qualificati e gli investimenti sono diversificati per mitigare il rischio. La diversificazione viene fatta sia dal punto di vista geografico che settoriale. Inoltre i fondi sono sottoposti a controllo e sorveglianza da parte degli organi preposti.

 

Un’altra garanzia riguarda la tutela in caso di insolvenza, perché il patrimonio in gestione al fondo Eurofer non può essere aggredito dai creditori, a differenza con quanto accade con il TFR lasciato in azienda.

 

I vantaggi dei fondi pensione

 

I fondi pensione come Eurofer hanno notevoli vantaggi dal punto di vista fiscale. Infatti i fondi pensione godono di agevolazioni fiscali sia quando il capitale viene accumulato che successivamente, in fase di erogazione delle prestazioni.

Un altro importante pro dei fondi pensione è il contributo del datore di lavoro che si aggiunge al contributo del lavoratore e al TFR.

 

 

Concludendo, tanto i vantaggi del fondo pensione Eurofer che le garanzie e le tutele devono necessariamente rasserenare gli aderenti circa il periodo geopolitico che stiamo affrontando.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui