Disoccupazione, impennata di richieste: oltre 1 milione nei primi 7 mesi del 2022

Se si osservano i dati sul lavoro registrati dall’INPS negli ultimi mesi, è impossibile non notare come il problema della disoccupazione stia diventando sempre più concreto.

Disoccupazione: numeri in forte crescita

Dai dati dell’Osservatorio Inps è emerso che nei primi sette mesi del 2022 c’è stato un aumento del 21,7% delle richieste di disoccupazione (NASpI e Dis-Coll) rispetto allo stesso periodo del 2021. L’Istituto ha infatti ricevuto 1.174.675 di nuove richieste.

disoccupazione

Lavoratori over ’50: in crescita

Il numero di lavoratori over ’50 è in crescita: a dirlo l’Istat che in conclusione di un recente rapporto ha evidenziato

Il tasso di disoccupazione nel terzo trimestre 2016 è rimasto stabile all’11,6% sul secondo, mentre è aumentato di 0,4 punti sullo stesso periodo 2015. Restano stabili rispetto al trimestre precedente anche il tasso di occupazione a 57,3% (+0,8 punti sul terzo trimestre 2015) e il tasso di inattività (35,1%). Il tasso di inattività si riduce di 1,2 punti rispetto al terzo trimestre 2015. L’occupazione frena dopo 5 trimestri consecutivi di crescita: nel terzo trimestre 2016 gli occupati diminuiscono di 14.000 unità (-0,1%) sul secondo trimestre, mentre crescono di 239.0000 unità sullo stesso periodo del 2015.

Il calo congiunturale è trainato dal lavoro indipendente (-80.000, -1,5%) mentre i dipendenti continuano a crescere (+66.000, +0,4%). L’aumento tendenziale riguarda in maggior misura le donne (+189.000 in un anno), ed è concentrata esclusivamente tra gli over 50enni

Nel terzo trimestre 2016 l’occupazione è cresciuta di 239.000 unità sullo stesso periodo dell’anno scorso ma l’aumento si è concentrato sugli ultracinquantenni per l’effetto demografico cumulato alla crescita dei requisiti di età e contributi per l’accesso alla pensione. Gli over 50 al lavoro nel terzo trimestre erano 7.284.000 con un aumento di 64.000 unità sul trimestre precedente e di 323.000 unità sullo stesso periodo del 2015.

Per la fascia tra i 25 e i 34 anni con 4.076.000 persone al lavoro si registra un calo di 33.000 unità sul trimestre precedente e di 41.000 sullo stesso periodo dell’anno precedente. Il tasso di occupazione è al 60,4% in lieve calo sul secondo trimestre 2016 (60,7%) e in aumento sul terzo trimestre 2015 (60,2%). Rispetto al terzo trimestre di venti anni fa la fascia dei 25-34enni al lavoro è diminuita di oltre due milioni di unità mentre quella degli over 50 è quasi raddoppiata aumentando 3,39 milioni di persone”

Lavoratori over’50 in crescita

Cosa sta succedendo? Quel che è certo è che l’esclusivo aumento dei lavoratori over ’50 a discapito della popolazione under ’34 è un fenomeno negativo sia per la nostra società che per il mercato in generale. E’ vero che in Italia il numero dei giovani è diminuito e quei pochi che ci sono, se non sono andati all’estero (dove a differenza di quello che accade nel nostro paese le competenze, le capacità vengono premiate) visto che per loro le porte del lavoro sono tutte chiuse. Ma questo non spiega in maniera esaustiva questo fenomeno fermo restando che anche tra le persone adulte ci sono molti disoccupati; ecco perché bisogna trovare un equilibrio, fare in modo che tutte le generazioni possano lavorare.

Amadori lavora con noi: le posizioni disponibili

L’azienda Amadori, una delle maggiori in Italia nel settore agroalimentare assume personale da inserire in diversi settori: commerciale/vendita, qualità, risorse umane/amministrazione personale, zootecnico, produzione, sicurezza e ambiente, finanza.

Lavoro: trasferirsi per guadagnare bene

 

Lavoro: trasferirsi per guadagnare bene. Già, ma dove? A rivelarlo è la banca internazionale HSBC grazie ad un sondaggio che ha coinvolto 27.000 espatriati provenienti da 190 paesi (Italia inclusa); i risultati prendono in considerazione lo stipendio ma non solo. Ecco la top ten

Gli immigrati come tesoro sommerso

Gli immigrati rappresentano per molti un costo sociale, invece, stando alle ultime statistiche, devono essere considerati dei veri e proprio tesori sommersi. Per quale motivo?

Assunzioni stabili, un 2016 da dimenticare

Un nuovo stop per le assunzioni durante i primi sette mesi dell’anno. Il taglio degli incentivi fiscali ha fatto diminuire i nuovi contratti a tempo indeterminato del 33,7% in confronto allo stesso periodo del 2015.

Gli occupati salgono nel secondo trimestre

Scende il tasso di disoccupazione, cresce il numero degli occupati. Buone notizie durante il secondo trimestre 2016: le fornisce l’Istat, che fa segnare un nuovo miglioramento concernente il mercato del lavoro.

Consumatori e imprese, sempre meno fiducia nella ripresa

Scende ancora la fiducia di consumatori e imprese durante il mese di agosto. Nella fattispecie gli indicatori tracciati dall’Istat vanno in basso più di quanto si aspettassero gli addetti ai lavori.

Usa, a luglio occupazione sopra le aspettative

Due le notizie più importanti, quando siamo giunti a metà agosto: la prima concerne la BoE. Il governatore Mark Carney ha ridotto il costo del denaro portandolo dallo 0,5% al nuovo minimo storico dello 0,25%: è la prima sforbiciata dal 2009.