Siringhe: prezzo unico di vendita

 

Le siringhe avranno un unico prezzo di vendita: quella comune per iniezioni costerà infatti in tutta Italia, a seconda delle dimensioni, da 0,049 a 0,063 euro con un ribasso del 70% rispetto alla base d’asta. Questo è uno degli effetti della spending review nella sanità.

Leggi il resto

La spending review è un flop?

I tagli alla spesa pubblica sembrano essere inefficaci, inefficienti e a svantaggio dei cittadini, i quali si ritrovano con meno servizi a disposizione. È questo il monito del presidente della Corte dei Conti Raffaele Squitieri che, all’inaugurazione dell’anno giudiziario 2016, boccia la spending review del governo Renzi.

Leggi il resto

Spending review: Cosenza, Napoli, Siena e Firenze i comuni più penalizzati

La spending review impone una serie di tagli nelle risorse. A farne le spese sono i comuni visto che ai Sindaci saranno ridotte le risorse a disposizione pari a circa 1,5 miliardi di euro. La CGIA di Mestre ha preso in esame 108 comuni capoluogo di provincia definendo quelli più penalizzai, ovvero Cosenza, Napoli, Siena e Firenze. 

Leggi il resto

Spending Review, nuovi tagli ai Comuni italiani

Spending Review, che fine ha fatto? I tagli alla spesa pubblica continuano o sono stati messi in soffitta? Sicuramente questo è uno dei temi caldi degli ultimi mesi e, ora, abbiamo una prima risposta a questa domanda.

Leggi il resto

Spending Review: quali novità?

Che fine hanno fatto gli interventi per i tagli alla spesa pubblica tracciati da Carlo Cottarelli? L’ex commissario ai tagli, nominato dal Governo Letta, aveva pronosticato la prospettiva di risparmio della sua manovra arrivando a programmare un piano che avrebbe consentito un taglio pari a trentaquattro miliardi di euro.

Leggi il resto

L’Ue ‘boccia’ la spending review italiana

Bruxells palesa le sue incertezze nei confronti della spending review presentata dal governo italiano all’interno della Legge di Stabilità e evidenzia che il programma di riforma Renziano è ambizioso, ma che i risultati sono incerti.

Leggi il resto

Tagli agli stipendi dei dipendenti della Camera

Il sistema retributivo dei dipendenti della Camera va riformato. Così, ecco il ‘nulla osta’ da parte dell’Ufficio di presidenza per i tagli agli stipendi nell’ambito delle operazioni di spending review. Il salary-cap si attesta ora intorno ai 240.000 euro, con sottotetti retributivi per ogni categoria.

Leggi il resto